Libera il bacino con Giovanni Asta – SPORT DONNA

Questa è l’ideale e graduale prosecuzione della precedente lezione; radicamento e opposti, applicati qui in Trikonasana e Virabhadrasana II. Attraverso una consapevole esecuzione dell’asana, creiamo elasticità muscolare e mobilità nelle articolazioni coxofemorale e sacroiliaca, stimolandole intelligentemente e ottimizzando l’impegno dei comparti per percepire un insieme armonico. L’intimo dialogo che si sviluppa tra mente-respiro-corpo produce un gioioso stato di concentrazione, evidenziando le basilari priorità di movimento del corpo nel rispetto della fisiologia.

Articolo precedenteSerie A| Verso la 19ª giornata: l’analisi e le parole dei protagonisti – SPORT DONNA
Articolo successivoAl San Zaccaria la sfida salvezza contro il San Bernardo Luserna, 5 a 1 – SPORT DONNA