Per dimagrire non esistono cibi magici. Evita diete troppo rigide – SPORT DONNA

Ormai viviamo nell’era del tutto e subito! Non siamo più abituati ad aspettare, diventiamo impazienti molto presto. La dieta non è un regime di privazione, né esclusivamente diminuzione di cibo, o cibo sotto forma di “pillole o cibi magici”, ma uno stile di vita sano da mantenere al di là della perdita di peso. Come? Pazienza, costanza e tempo!

L’impazienza è una reazione, la pazienza è una risposta. La capacità di aspettare è un’arma molto potente e un ingrediente base per

il raggiungimento dei propri obiettivi! Ma sei sempre tu l’artefice delle tue scelte e quindi puoi: scegliere di non AGIRE, lasciarti andare completamente perché “tanto ormai “ non dimagrisco, tanto vale la pena mangiare!

Iniziare delle diete rigide che portano magari una gratificazione immediata, porteranno probabilmente invece una sconfitta futura!

Diete troppo rigide e schematiche sono spesso la causa di perdite di controllo, il cibo diventa il nostro piacere, il nostro rifugio, il nostro “Tutto” e il recupero del peso non esita ad arrivare. Lavorare sulle tue abitudini trovando il tuo Equilibrio con costanza e pazienza. Un processo più lento ma con risultati duraturi! Come? Scegli un obiettivo concreto e non generico ed esci dalla mentalità del “tutto o niente” o del “tutto e subito”. Prenditi il tempo necessario, non puoi pretendere di rinunciare da un giorno all’altro ad abitudini consolidate, ma ti serve un traguardo da raggiungere.

Procedi per gradi e fissa il traguardo rompendo le vecchie abitudini trovando un’alimentazione sana, flessibile, e sostenibile per sempre.

Non essere impaziente, non avere fretta, prenditi il tempo necessario per progredire.

Per dimagrire non esistono cibi magici, per dimagrire bisogna trovare un equilibrio e un rapporto sereno con il cibo, coerenza, costanza e sane abitudini.

77383763_1315843888598594_2092276877111590912_o-258x300-4429311

Per info
📩ildiariodimary.80@outlook.it
Dott.ssa Maria Amore

Articolo precedenteTennis, Serena Williams sfida la depressione post partum
Articolo successivoPermac Vittorio Veneto, Vicchiarello: “Voglio il secondo posto per la Champions” – SPORT DONNA