Domenica scorsa proprio in occasione della giornata dedicata al tema  della violenza sulle donne un allenatore della Seconda Categoria veneta è stato espulso per frasi irriguardose rivolto all’arbitro… donna. Insulti di stampo sessista quelli rivolti alla malcapitata Sara Semenzin, arbitro della sezione di Castelfranco Veneto, dall’allenatore del Real Stropari Iames Roggi, che è stato allontanato dal campo “perché reagiva a una decisione arbitrale in modo quanto mai inconsulto, con espressioni finanche ingiuriose nei confronti della direttrice di gara”, aggiungendo di “darsi ai fornelli e di cambiare lavoro”.
Il giudice sportivo racconta anche che “Il subbuglio è ripreso con inaudita veemenza e meschinità quando, entrata la direttrice di gara nel suo spogliatoio, i facinorosi protagonisti si sono sentiti liberi di esternare senza limiti la loro violenza verbale senza il rischio di essere identificati”.
Ma le conseguenze per Roggia non si sono fatte attendere. L’uomo è stato squalificato fino a fine stagione, ovvero 30 giugno 2019. Il giudice ha chiuso il suo comunicato parlando di “vergognosa espressione di inciviltà nel giorno dedicato dall’Onu contro la violenza sulle donne”. 

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!