Chiara Colantoni e Debora Vivarelli, tesserate rispettivamente per Tannistavolo Castel Goffredo e Centro Sportivo dell’Esercito, hanno rappresentato l’Italia all’Asare Bulgaria Open sotto la guida dell’allenatore della nazionale Maurizio Gatti. Sul cammino della Colantoni due giocatrici lussemburghesi: Sarah Meyer e Sarah De Nutte. Ana Tofant (Slovenia) e Kim Vermaas (Olanda) incrociano invece il percorso della Vivarelli.

Nessuna delle azzurre tra le teste di serie dove domina il Giappone. Tra le prime 10 sono 8 le nipponiche. A non permettere al paese del Sol Levante di fare l’en plein, una rappresentate della Cina e una della Romania.

L’avventura delle due giocatrici italiane in Bulgaria però ha vita breve. Sia per la Colantoni che per la Vivarelli, Sarah De Nutte – al momento al n. 81 del ranking Ittf – si rivela essere un vero e proprio incubo. La lussemburghese ha infatti eliminato la prima durante il girone di qualificazione mentre la seconda è caduta sotto i colpi della 25enne al termine di una sfida maratona durata ben 7 frazioni.

Le 10 teste di serie del torneo:

Kasumi Ishikawa (Giappone)
Mima Ito (Giappone)
Miu Hirano (Giappone)
Hitomi Sato (Giappone)
Hina Hayata (Giappone)
Ding Ning (Cina)
Miyu Kato (Giappone)
Saki Shibata (Giappone)
Elizabeta Samara (Romania)
Honoka Hashimoto (Giappone)

 

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!