Fondata nel 2001, la Riozzese femminile ha una storia breve ma intensa. In questi 15 anni di vita la squadra di Riozzo, frazione di Cerro al Lambro, è arrivata a giocare anche nella massima serie. Dopo la scomparsa del primo presidente, Ugo Guazzelli, nel 2007 Mileto Faraguna, ex giocatore ed allenatore della Juniores, ha preso il suo posto e quest’anno può festeggiare il ritorno in serie B delle sue ragazze.

Presidente, cosa vuol dire per voi l’aver raggiunto questo traguardo?
“Per due anni di fila abbiamo mancato la promozione di un punto o due, in questa stagione siamo riusciti a raggiungere il nostro obiettivo. Il gruppo di ragazze che ha vinto il campionato di C faceva parte della squadra Primavera quando la Riozzese militava in serie B nella stagione 2007-2008. E’ un traguardo tutto meritato”.

In ottica della prossima stagione, come pensate di muovervi sul mercato?
“Stiamo aspettando che finiscano i campionati di A e B per cercare di prendere qualche giocatrice esperta che sappia inserirsi in un gruppo di ragazze giovani come il nostro. La media età della squadra è di soli 21 anni, voglio aggiungere qualche tassello mantenendo la base che ci ha portato in serie B. L’obiettivo per il primo anno sarà quello di mantenere la categoria”.

Per giocare in serie B la tassa da pagare sarà decisamente più elevata rispetto alle cifre per l’iscrizione in C.
“In Italia a livello di Federazione non c’è nessun interesse nell’andare a sviluppare il calcio femminile. Siamo chiamati a pagare le tasse per partecipare ai campionati ma poi non abbiamo nessun incentivo in caso di vittoria. Ci trattano come professionisti solo quando ci sono da pagare le multe, per il resto restiamo dilettanti”.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!