Calcio

Calcio femminile / Mondiali:Inghilterra-Usa 1-2: le americane prime finaliste! LE FOTO!

(Getty Images)

La super sfida tra Usa e Inghilterra valevole per l’accesso alla finale dei Mondiali di calcio femminile non tradisce la attese: gol, emozioni e suspence fino al termine.
Alla fine fanno festa le americane che ora attendono la vincente di Svezia e Olanda di domani sera.
A Lione la sfida davvero non ha tradito le aspettative per quella che molti accreditavano come una possibile finale.
Le americane trovano presto il gol con Press che di testa supera Telford. Le britanniche pareggiano con la rete in spaccata di Ellen White e poi “rischiano” si passare addirittura in vantaggio dopo un tocco maldestro di Souerbron  che rischia l’autorete.
Il gol lo trovano invece gli Stati Uniti, con un altro colpo di testa, questa volta di Alex Morgan.
Nella ripresa gol annullato con il Var all’Inghilterra che proprio grazie al Var poco dopo usufruiscono di un calcio di rigore ma Houghton lo calcia addosso a Naher. Le britanniche restano poi in dieci per l’espulsione di Bright e così le americane reggono fino alla fine per poi lasciarsi andare ad un urlo liberatorio.
La squadra degli Usa è la prima finalista di questi Mondiali di calcio femminile 2019.

 

Informazioni sull'autore

Matteo Angeli

Matteo Angeli

Direttore responsabile

Il fatto di aver avuto un papà bravo giornalista ha indubbiamente segnato la mia vita. Ma di sicuro lui non ha influito minimamente quel giorno che, appena diciottennne, rimasi folgorato da un tremendo fatto di cronaca. Chiesi ad un cronista di portami con se e fu in quel momento, mentre osservavo la scena, che sentii nascere qualcosa dentro: da grande anch'io avrei fatto il giornalista. Neppure il tempo di pensare che mi trovai in prova a Radio Babboleo, l'emittente più importante della mia terra, la Liguria. Quindi l'assunzione, poi le prime esperienze in tv, sui giornali locali, fino ad approdare al "mitico" Corriere Mercantile. Cronaca nera, politica, spettacoli e poi sport, tanto sport. Poi tante altre esperienze, di ogni tipo, in ogni campo. Oggi dopo quasi trent'anni il giornalismo è cambiato, e non poco. Io, a parte qualche ruga e qualche capello bianco, sono invece rimasto lo stesso. Pronto all'ennesima sfida.

Commenta

Clicca qui per commentare