La storia di Chiara Piccini: da Roccalbegna alla Serie A. Nata a Roccalbegna, un piccolo comune italiano di soli 970 abitanti in provincia di Grosseto, 17 anni fa Chiara sta vivendo il sogno più grande: giocare in una grande squadra e chissà . . . magari a breve anche esordire in Serie A.
In questo momento gioca come esterno sinistro nella rosa della Primavera della Florentia (club al primo anno nella massima serie ma sicuramente una delle sorprese più belle), ma chissà proprio che il campionato di Serie A non possa presto vedere in campo una maremmana.
La passione di Chiara è una passione innata ma difficile per lei. Vivendo a Roccalbegna, 522 metri sul livello del mare, una passione simile poteva anche “morire” per motivi ambientali: poca gente, pochissimi bambini e difficoltà a raggiungere località più grosse..
Muove i primi passi nel campetto del suo paese, dove unica bambina tra i maschietti, in seguito passa allo Scansano prima e Amiata poi, sotto la guida dell’attento mister Enzo Ciaralli. Chiara ha sempre giocato con i maschi, sino a che le leggi federali lo permettano, consentendole di giocare anche per la squadra Aurora Pitigliano.
Dopo l’esperienza di Putigliano, passa alla matricola femminile del Florentia, neopromossa in Serie A. Inizia nella formazione della Primavera, ma chissà che il suo sogno non possa esaudirsi presto…in un esordio nella massima categoria, alla bellezza di 17 anni: perché sognare non costa nulla!

Chiara Piccini con il braccio ingessato

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!