La trentina Angela Mattevi si è laureata campione mondiale under 20 di corsa in montagna. E’ successo a Villa La Angostura, località montana della lontana Patagonia, in Argentina.
La runner dell’Atletica Valle di Cembra l’anno scorso aveva sfiorato il titolo iridato della stessa specialità a Andorra. Quest’anno ha trovato la “gara delle gare” al termine di otto chilometri durissimi ai piedi della Cordigliera Andina, su sentieri che addirittura hanno sottoposto gli atleti a guadi, in una giornata guastata dal maltempo. Ma ci voleva altro per fermare il ritmo di Angela: “Speravo di salire sul podio, ma non di vincere- ha dichiarato dopo l’arrivo- invece ho attaccato in salita e ho visto che stavo staccando le altre. Si è trattato di un circuito con due giri. Mi sono detta che dovevo stringere i denti nell’ultima tornata, e ce l’ho fatta! Sono felice anche per l’oro a squadre”. Già, perché l’Italia under 20 è salita sul gradino più alto del podio grazie a Giovanna Selva, Anna Arnaudo e Elisa Pastorelli, che si sono battute al massimo, giungendo rispettivamente settima, nona e diciannovesima. Così L’Italia ha conquistato il primo posto per team davanti a Turchia e Repubblica Ceca.
Nelle altre competizioni della rassegna argentina Silvia Rampazzo è stata quarta nel  mondiale di lunghe distanze, una gara massacrante di 41,5 chilometri. Con recupero prodigioso, Silvia ha sfiorato il podio tagliando il traguardo in 3h56’02” mentre il primo posto è andato alla romena Cristina Simion in 3h49’57”. In totale, dalla rassegna sudamericana sono venute ben sette medaglie per l’Italia, a dimostrazione di una scuola sempre ricca di talenti e in grado di rinnovarsi.

#MundialDeMontaña2019

Así fue la participación de la categoría #Junior del campenato mundial de montaña 2019#VideoCortesíaIAAFWorld Athletics

Posted by FONDISMO TOTAL on Friday, 15 November 2019

 

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!