Atletica

Corsa in montagna / Europei: a Zermatt le azzurre più forti di tutte!

Foto: Courthoud

Correre anche quando la strada si impenna in salita, laddove quello sarebbe il regno di stambecchi o altri animali delle montagne. Cercare il sentiero in pietraie illuminate da un sole cocente, poi buttarsi giù in discesa con azione da stuntmen. Questa, bene o male, è la corsa in montagna. Ebbene, l’Italia può essere considerata un Kenya della specialità, vista la ricchezza di titoli europei o mondiali colti nel giro di trent’anni.
A Zermatt, cittadina svizzera alle falde del Cervino, l’Italia ha vinto il titolo europeo a squadre sia assoluto che con le ragazze terribili dell’Under 20. Tutto è successo al termine di un gioco di squadra perfetto, con veterane della specialità (vedi Valentina Belotti) e altre più giovani in grado di portare punti preziosi.
Il percorso, per le seniores, è stato di dieci chilometri di sola ascesa, con la svizzera Maude Mathys in grado subito di fare selezione, fra un tripudio di bandiere rossocrociate: la fuoriclasse elvetica, che ha un curriculum importante di sci alpinismo e gare estreme, ha vinto con un minuto di distacco nei confronti dell’austriaca Andrea Mayr. Si supera la 35enne Elisa Sortini, quinta, rivelazione della giornata con la gara più bella sua carriera mentre Valentina Belotti, una sicurezza, è settima nonostante i problemi fisici, che l’hanno accompagnata anche negli ultimi mesi fino a mettere in dubbio il ritorno.
Arrivano punti importanti anche da Alessia Scaini e Erica Guelfi (24enne della Podistica Valle Varaita), e in questo modo l’Italia vince il titolo continentale con 22 punti davanti alle solite acerrime rivali della Francia, staccate di soli quattro punti, e alla Svizzera.
Altrettanto bene le under 20: Angela Mattevi, campionessa continentale uscente, è seconda assoluta a un nulla dall’oro, preceduta dalla sola ceca Barbora Havlickova, che alterna corsa a sci di fondo. Con il settimo posto di Katia Nana e l’undicesimo di Elisa Pastorelli le italiane juniores vincono il titolo europeo davanti a Turchia e Romania.

Informazioni sull'autore

Danilo Mazzone

Danilo Mazzone

In gioventù campione ligure 5000 m e maratona. Giornalista pubblicista (specializzazione sportiva: atletica e podismo) collaboratore dei quotidiani "Il Secolo XIX", "Gazzetta dello Sport", "Corriere Mercantile", "Repubblica". Collaboratore del mensile nazionale "Correre" e della rivista "Atletica Leggera". Blogger del sito Corriliguria. Addetto stampa della Fidal (Federazione di Atletica Leggera) ligure. Addetto stampa della Mezza Maratona Internazionale delle Due Perle (Santa Margherita Ligure). Per sette anni docente a contratto di Storia dello sport presso la Facoltà di Scienze Motorie dell'Università di Genova. Autore del libro "Manuale di Storia dello Sport", Dynamicon Edizioni, Milano, 2016. Istruttore di atletica leggera e personal trainer

Commenta

Clicca qui per commentare