Calcio

De Boer si scusa: “Ho usato termini sbagliati, spero di vedere sempre più donne giocare a calcio”

La Fifa annuncia la prima strategia per lanciare il calcio femminile

L’ex calciatore e ora tecnico dell’ATlanta United, Frank de Boer, fa marcia indietro e si scusa. Nei giorni scorsi aveva rilasciato un’intervista durante la quale dichiarava:” La parità di retribuzione nel calcio tra uomini e donne non la comprendo, per come stanno le cose ora penso che sia ridicola“.
L’ex campione della nazionale olandese di calcio chiede scusa in particolare di aver usato senza cognizione del suo esatto significato il termine “ridicolo”, sostenendo poi di essere un grande sostenitore del calcio femminile. “Io lo promuoverò sempre, spero di vedere sempre più donne giocare a calcio perchè è lo sport che amo“, ha proseguito de Boer, ricordando che quando era all’Ajax aveva fatto molto per far crescere la squadra femminile. “Quel che penso – ha provato infine a spiegare l’olandese – è che se le donne se lo meritano, devono guadagnare, ma se vogliono guadagnare più degli uomini, devono meritarselo, non c’è altro da dire. Ma definire tutto ciò ‘ridicolo’ è davvero troppo”.

PUO’ INTERESSARTI ANCHE: DE BOER: “RIDICOLO CHE UOMINI E DONNE POSSANO GUADAGNARE LE STESSE CIFRE NEL CALCIO”