Salute & Fitness

Dieta chetogenica: sai cos’è? Ecco tutti i consigli per capire se fa a caso tuo oppure no

Photo by Aida Solomon on Unsplash

Negli ultimi tempi si sente spesso parlare della dieta chetogenica? La usano soprattutto quegli sportivi che vogliono perde massa grassa in poci tempo. Ma in cosa consiste esattamente? Cerchiamo di scoprirlo insieme. La dieta chetogenica è normalmente scelta da chi desidera perdere peso ma, per via delle sue caratteristiche, è molto efficace anche negli stati patologici caratterizzati da insulinoresistenza, nella sindrome metabolica e nel diabete mellito di tipo 2, oltre che in alcune patologie neurologiche come emicrania e cefalea.
Questa dieta ha lo scopo di portare il corpo ad utilizzare i chetoni come fonte di energia al posto degli zuccheri. La chetosi completa avviene quando una persona digiuna, ma si tratta di una condizione non realizzabile normalmente, mentre è possibile ridurre l’apporto di carboidrati dall’alimentazione e portare l’organismo ad utilizzare i lipidi come fonte di energia e a creare i chetoni nel fegato. Riducendo i carboidrati si riducono anche i livelli di insulina, favorendo così l’utilizzo dei lipidi. Abbandonando quasi del tutto i carboidrati, per obbligare l’organismo in questo modo a bruciare i grassi.
E’ quindi consigliabile consumare: uova, pollame, salsiccia, agnello, tacchino, carne, pesce, formaggi, affettati, pistacchi, noci, mandorle. Sì alle verdure come asparagi, funghi e broccoli.
Grazie ai preziosi consigli della nostra collaboratrice dottoressa Laura Ferrero scopriamo benefici e controindicazioni della dieta chetogenica. Alla fine della lettura se questo articolo ti sarà piaciuto condividilo suoi tuoi social, Grazie!

Chi dovrebbe evitare la dieta chetogenica?

  • Chi fa uso di insulina (è richiesta un’attenta supervisione medica)
  • Donne che desiderano una gravidanza
  • Donne in gravidanza o in fase di allattamento
  • Persone ipertese o che stanno assumendo farmaci (è richiesta un’attenta supervisione medica)

Cos’è la dieta chetogenica?

La definizione precisa di dieta chetogenica varia da soggetto a soggetto, ma in generale si riferisce ad un regime alimentare con un’assunzione di meno di 50g di carboidrati al giorno per far raggiungere al corpo lo stato di chetosi. Per alcune persone si arriva addirittura a meno di 20g al giorno, e in generale minore è la quantità assunta, più efficace sarà la dieta.

Cosa si può mangiare durante una dieta chetogenica? Cibi da evitare:

Vanno evitati i cibi ricchi di amido, come pane, pasta, riso e patate. Le quantità medie di carboidrati nei cibi più comuni sono:

  • frutta: 7-20g
  • patate: 15-20g
  • pasta cotta: 25-30g a porzione
  • pane: fino a 45g a porzione

Cosa bere durante una dieta chetogenica

L’acqua è l’opzione ideale, ma vanno bene anche caffè e tè non zuccherati. Un bicchiere piccolo di vino rosso contiene solo 2g di carboidrati

Benefici della dieta chetogenica

  • perdita di peso: calano i livelli di insulina, permettendo così una perdita di lipidi senza un aumento della fame. Le ricerche dimostrano la grande efficacia delle diete low-carb e chetogeniche per la perdita di peso.
  • maggiore energia e concentrazione: la chetosi produce un flusso di energia costante verso il cervello, con vantaggi per la concentrazione e la resa nelle performance mentali.
  • controllo della glicemia: la chetosi abbassa i livelli di zuccheri nel sangue
  • miglioramento del livello di lipidi e della pressione sanguigna: la chetosi abbassa colesterolo, trigliceridi, pressione sanguigna e aumenta i livelli di colesterolo HDL

Come capire se si è in chetosi

I sintomi fisici della chetosi includono secchezza della bocca, una maggior sete e una maggior urinazione, minor fame e “alito da chetosi” (un odore leggermente fruttato).
Sono disponibili diversi strumenti per misurare la chetosi attraverso le urine, l’alito e il sangue.

Possibili effetti collaterali della dieta chetogenica

Ridurre i carboidrati in breve tempo può causare mal di testa, affaticamento, vertigini, nausea e irritabilità. Per questo motivo molte persone preferiscono ridurre gradualmente l’apporto di carboidrati fino a raggiungere le quantità richieste dalla chetosi. I sintomi solitamente spariscono presto, e una corretta idratazione è utile per accelerare il processo. Sempre consigliato rivolgersi ad un professionista.

SE TI E’ PIACIUTO QUESTO ARTICOLO CONDIVIDILO CON ALTRI SUI TUOI SOCIAL!

Vai nella sezione Salute&Fitness troverai notizie, curiosità e tanto altro per il tuo benessere

 

Informazioni sull'autore

Laura Ferrero Medico Chirurgo

Laura Ferrero Medico Chirurgo

Mi chiamo Laura Ferrero sono medico chirurgo specialista in Scienza dell'Alimentazione e Medicina estetica a Torino. Ho conseguto i diploma di coach professionista riconosciuto dall’ICF(International Coach Federation) e dall’AICP(Associazione Italiana Coach Professionisti).
Mi occupo di diagnosi e cura del sovrappeso e Obesità, malattie del metabolismo e disturbi del comportamento alimentare nell'adulto e nell'età adolescenziale.
Per quello che riguarda la medicina estetica curo e tratto le problematiche legate all'invecchiamento cutaneo e degli inestetismi del corpo.

Commenta

Clicca qui per commentare