Lunedì 27, un giorno segnato in rosso sul calendario di tutte le società di calcio femminile. Oggi a Roma nella cornice dell’hotel NH Giustiniano si è tenuta la conferenza programmatica indetta dal Dipartimento Calcio Femminile della Lega Nazionale Dilettanti. La prima con protagonista il nuovo delegato per il nuovo Delegato del Dipartimento Calcio Femminile, Sandro Morgana.
Per quanto riguarda le novità. Invariato il campionato di serie B per la prossima stagione mentre in serie A retrocederanno automaticamente le prime mentre le altre due che passeranno alla categoria inferiore verranno decise tramite play out. Saliranno in A le squadre vincitrici di ognuno dei quattro gironi e retrocederanno nel campionato regionale le ultime. I cambiamenti più sostanziali arriveranno invece del campionato 2017-18 dove le retrocessioni in B diventeranno due così come le promozioni dalla B alla A. La serie cadetta inoltre dovrebbe passare a due gironi unici.
Le date: il campionato 2016-17 inizierà nel fine settimana del 2 e 3 ottobre 2016 sia per la serie A che per la serie B. Il fischio finale verrà invece decretato a fine maggio.
Nonostante la UEFA non garantisca più i contributi elargiti per la stagione appena conclusa, dovrebbe essere la stessa Lega Nazionale Dilettanti ad agevolare sulle tasse di iscrizione al campionato. Nel dettaglio la serie B costerà alle società 5.800,00 € più la fideiussione di 4.000,00 €. Per quanto riguarda le tempistiche delle iscrizioni ci sarà tempo dal 4 al 16 luglio.
Rinnovato invece l’appuntamento con le bambine del settore giovanile che, come successo durante questa stagione, vivranno un giorno insieme alla Nazionale di calcio femminile per assaporare l’aria Azzurra. Proprio sui settori giovanile è focalizzata l’attenzione della Lega che darà un contributo alle squadre che punteranno sulle giovani promesse.

LE REAZIONI DEI CLUB

In molti club non hanno voluto perdere l’occasione di presenziare alla conferenza programmatica per portare alla luce idee e problemi o semplicemente per ascoltare le linee guida dettate dalla Lega Nazionale Dilettanti. Per tastare il polso della situazione, abbiamo dato spazio alla voce di dirigenti e allenatori presenti a Roma.

Pessimisti

Maurizio Fossati, mister dell’FCD Novese dopo diversi anni di calcio femminile si aspettava qualche novità più concreta: “Noi abbiamo voglia di lavorare anche senza avere in cambio nulla. La sensazione è che ci sia ancora tanta confusione e le idee concrete siano davvero poche”.

Forse è la volta buona

Giuseppe Cesari, presidente del Brescia: “Ci auguriamo davvero che l’entusiasmo dimostrato da Sandro Morgana si concretizzi coi fatti. Sono tanti anni che sentiamo solo tante belle parole. Ovviamente i dubbi sono tanti visti i precedenti, aspettiamo di vedere cosa succederà”.

Roberto Cau, presidente del Caprera: “Non ci sono state molte novità ma non mi ero illuso troppo. Certamente Sandro Morgana sembra molto entusiasta, speriamo possa nascere qualcosa di positivo per il futuro”.

Ottimisti

Luca Vargiu, da pochi giorni nuovo dirigente del Cuneo: “Sono nuovo dell’ambiente ma ho visto tanta voglia di fare da parte di Morgana. Molti interventi sono stati interessanti. Le criticità di certo ci sono, ma ovviamente ci vorrà del tempo per risolverle e il programma è a lungo termine. Dal mio punto di vista avrei avuto piacere nel vedere Carlo Tavecchio presente per dare un segnale. Sono fiducioso però anche da questo punto di vista, dal momento che si dice che abbia a cuore il movimento di calcio femminile”. 

Fausto Lorenzini, direttore sportivo San Zaccaria: “Sono ottimista perché finalmente si vedono figure di grandi professionisti nel movimento calcio femminile. Tra queste Giorgio Bottaro che si occupa dello sviluppo delle Nazionali. Ad oggi non ci sono risultati tangibili ma le promesse sembrano diverse rispetto al solito. C’è aria nuova, sembra un po’ l’anno zero. Forse è davvero arrivato il momento perché il movimento prenda la piega imprenditoriale giusta per crescere. Si cercherà anche di portare uno sponsor che faccia vedere in televisione le partite perché dare visibilità, questo è davvero fondamentale”.

 

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!