C’era anche lei, una giovane promessa del calcio femminile, tra le 97 vittime recuperate al largo della Libia. Fatim Jawara, 19 anni, portiere della nazionale di calcio del Gambia ha perso la vita cercando di ribaltare il suo destino forse proprio grazie al football europeo.

A darne la notizia è la GFF, la federazione calcio del Gambia, dopo essere stata contattata dall’intermediario a cui Fatim Jawara aveva versato il denaro con cui pagare il suo viaggio. Aveva giocato i mondiali di calcio del 2012 con la maglia dell’Under 17 del suo paese.

Così il presidente della federazione calcio del Gambia, Lamin Kaba Bajo: “Ho ricevuto oggi la notizia. E’ un vero shock. La ragazza aveva talento. Ricordiamo bene quando alcuni mesi fa aveva parato un rigore alle scozzesi (novembre 2015, contro il Glasgow Girls FC, ndr) durante un’amichevole della nostra nazionale. Fatim era sulla via che porta a pascoli ben più verdi. Ma il modo in cui è morta è semplicemente scioccante e pietoso. Noi della Gambian Football Federation ne siamo davvero rattristati e a nome della federazione esprimo le condoglianze alla famiglia e al club in cui Fatim giocava il nostro campionato, i Red Scorpions”.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!