Sulla pista olimpica norvegese del “Lillehammer Sliding Center” sono andate in scena le prime competizioni ufficiali di monobob femminile, disciplina destinata ad entrare nel programma olimpico. Dodici ragazze provenienti da sette differenti nazioni si sono cimentate al via di questa nuova specialità che andrà ad affiancare lo storico bob a due. Tra loro due azzurre che hanno sorpreso tutti sin dai primi giri. Si tratta di due friulane, la 23enne Giada Andreutti di San Daniele del Friuli e di Tania Vicenzino da Carlino, entrambe tesserate per il Bob Club Cortina, provenienti dal mondo dell’atletica leggera nella quale si cimentano nel lancio del disco e nel salto in lungo. Vincenzino, tanto per rendere un’idea, solo qualche mese fa è diventata Campionessa Italiana 2018 di salto in lungo con la misura di 6.52.

Tania Vicenzino è entusiasta: “Inizia così la mia avventura in questa nuova ed emozionante disciplina, con un decimo e un nono posto nel circuito del #monobobwomen! Mi porto a casa un bagaglio di esperienza unico ma che dovrà essere riempito ancora e ancora e ancora per sentirmi realmente soddisfatta di me (e non lo sarò mai veramente!), tante sfumature di emozioni, dal panico all’entusiasmo passando per svariate incavature (curva3 -> abbiamo un conto in sospeso!), la consapevolezza di riuscire a gestire le cose anche al di fuori della mia zona di confort (la cosa che mi ha stupita di più -> autopacca sulla spalla!), una lista infinita di concetti, sensazioni e dettagli, nuove conoscenze e nuove amicizie, tanti bei ricordi e alcuni meno belli, qualche livido (😅) e con uno sguardo rivolto al futuro nuovi obiettivi… Grazie a chi c’era, a chi c’è stato e a chi ha permesso che tutto questo accadesse… Rimbocchiamoci le maniche: siamo solo all’inizio“.

A seguirle c’è Simone Bertazzo, fra i più grandi nella storia del bob di casa nostra. “Il monobob femminile è una specialità entrata nel programma olimpico di Pechino 2022 – racconta il carabiniere cadorino -, per cui la Federazione ha voluto cogliere questa sfida e lanciarsi. Abbiamo due ragazze che non hanno paura di niente, nonostante abbiano pochi giri alle loro spalle si sono buttate su una pista difficile come quella di Lillehammer senza paura, contro avversarie che avevano in passato già guidato lo slittino oppure lo skeleton“.

Ordine d’arrivo Gara-1 monobob femminile Lillehammer (Nor):
1 AUS Walker Breeana 1:57.52
2 FRA Boch Margot 1:58.03   (+0.51)
3 NED Sleper Karlien 1:58.53   (+1.01)
4 LAT Muze Lina 2:00.04   (+2.52)
5 POL Sylwia Smolarek 2:00.24   (+2.72)
6 ITA Andreutti Giada 2:00.27   (+2.75)
7 LAT Grabuste Aiga 2:00.75   (+3.23)
8 SVK Cernanska Viktoria 2:00.78   (+3.26)
8 AUS Scroop Jamie 2:00.78   (+3.26)
10 ITA Vicenzino Tania 2:01.17   (+3.65)
11 SVK Simona Malatincova 2:01.63   (+4.11)
12 LAT Sirma Katrina 2:01.81   (+4.29)

Ordine d’arrivo gara-2 monobob femminile Lillehammer (Nor):
1 AUS Walker Breeana 1:57.95
2 NED Sleper Karlien 1:58.33 (+0.38)
3 FRA Boch Margot 1:58.55   (+0.60)
4 LAT Muze Lina 1:58.94   (+0.99)
5 ITA Andreutti Giada 1:59.03 (+1.08)
6 POL Sylwia Smolarek 2:00.03 (+2.08)
7 LAT Sirma Katrina 2:00.15   (+2.20)
8 LAT Grabuste Aiga 2:00.19   (+2.24)
9 ITA Vicenzino Tania 2:00.40  (+2.45)
10 SVK Cernanska Viktoria 2:00.44   (+2.49)
11 SVK Simona Malatincova 2:00.49   (+2.54)
12 AUS Scroop Jamie 2:01.69   (+3.74)

First day in Lillehammer: done ✔E non mi sono ribaltata!!! 😂✌ #bob #bobsleigh #bobsled #bobsledding #monobob #monobobfemminile #monobobwomen #training #trainingday #fisi #lillehammer #norway #notonlylongjump

Posted by Tania Vicenzino on Monday, 29 October 2018

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!