Il problema c’è e non va sottovalutato. Troppe volte donne che pubblicano sui social foto mentre fanno sport vengono attaccate in maniera disgustosa. In queste ore stanno suscitando un’accesa discussione sul sessismo e sulle molestie sessuali online i commenti apparsi sotto la foto di Tayla Harris – stella 21enne del Carlton Football Clubuna, giocatrice di football australiano impegnata in un acrobatico gesto atletico.
“I commenti che ho visto equivalgono ad abusi sessuali perché erano disgustosi – sono le parole dell’atleta -sui profili dei troll vedo che hanno dei bambini, delle figlie e delle donne nelle loro foto ed è questo che mi preoccupa – ha aggiunto –. È così che hanno inizio le violenze domestiche».
La pagina Facebook AFL (la lega di football australiano) ha pubblicato la foto davvero bella scattata da Michael Willson a Harrsi, nel pieno di un’azione vincente, e intitolata “Foto dell’anno”. Immediatamente pioggia di insulti.
Anche il network televisivo Seven aveva messo la foto in un post su Facebook: dopo decine e decine di messaggi di natura sessuale è stato cancellato. “Cancellare il post la dà vinta ai troll“, ha commentato Darcy Vescia una compagna di squadra.
Sull’episodio è intervenuto il premier australiano, Scott Morrison, che ha definito i commentatori dei «codardi debosciati».
Ma su una cosa siamo convinti: rimuovere la foto è una sconfitta. In attesa che un giorno non si leggano più commenti malati, bisogna moderarli e soprattutto punirli.

 

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!