Nonostante il propagarsi del coronavirus il Comitato Olimpico Internazionale non molla e ribadisce la volontà di proseguire il lavoro di organizzazione dei Giochi olimpici di Tokyo 2020 (24 luglio-9 agosto). E’ quando emerso oggi al termine della videoconferenza con le federazioni.
A oltre quattro mesi dall’inizio dei Giochi, non è necessario prendere decisioni drastiche e in questa fase qualsiasi speculazione in questo momento sarebbe controproducente” fa sapere il Cio. Nei prossimi giorni seguiranno colloqui con i Comitati Olimpici Nazionali, i rappresentanti degli atleti, il Comitato Paralimpico Internazionale e altre federazioni internazionali,
Il Cio incoraggia tutti gli atleti “a continuare a prepararsi alle Olimpiadi di Tokyo nel migliore dei modi”.
Previsti piani alternativi circa le qualificazioni olimpiche che erano in programma nei prossimi mesi: “Il 53% degli atleti ha già il pass – sottolineano da Losanna il Cio – per il restante 43% il comitato olimpico collaborerà con le federazioni per apportare tutti gli adattamenti necessari e pratici ai rispettivi sistemi di qualificazione. Quelli già assegnati restano agli atleti che li hanno ottenuti“.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!