“Ho battuto la testa e perso la mia identità”. Alex Danson, 33 anni, capitano della Nazionale britannica femminile di hockey, campionessa olimpica in carica, ha raccontato attraverso i suoi canali social di aver perso la capacità cognitiva dopo un trauma cranico. La donna, nativa di Southampton ha confessato addirittura di aver smarrito la propria identità.
Sei mesi fa, mentre ero in vacanza, ho battuto la testa. Immediatamente sapevo che qualcosa non andava, ma ho cercato di far finta che tutto andava bene. Sei settimane più tardi sono stata portata in ospedale per una sospetta emorragia perché ho avuto crisi epilettiche. È stata l’esperienza più difficile che io abbia mai sperimentato. Quando ho lasciato l’ospedale, andare in bagno era quasi impossibile. Sono stata a letto 24 ore al giorno per settimane e settimane. La mia memoria, la concentrazione e la capacità di leggere o guardare la TV erano pari a zero. Ora posso camminare per circa 30 minuti, posso tenere una conversazione e ricordare come cuocere un uovo, ma ho ancora mal di testa e vertigini per lo più. Non so cosa riuscirà a fare in futuro”.