Capisco che il mondo del calcio è popolato da personaggi di vario tipo e condizionato da un eccesso smisurato di soldi che entrambi, combinati male possono degradare il calcio a una attività commerciale come tante altre priva di storia, dignità e sentimenti.

Ritengo, però, inaccettabile quanto è successo in questi giorni in cui la Juventus di Agnelli, umiliando la modesta compagine della Juventus femminile (non ha mai militato in Serie A), esistente però da anni, per entrare nel calcio femminile, ha rilevato il Cuneo femminile.
Pensate a come sarebbe ancora più inaccettabile, anzi, ingiurioso se Cairo, anziché definire un rapporto con il Torino Calcio Femminile (26 anni ininterrotti di Serie A, 4 Scudetti Primavera, 2 Trofei Federali “Beppe Viola”), tra le più importanti e blasonate società femminili italiane, per entrare nel calcio femminile, rilevasse proprio la Juventus femminile.
Conoscendo i signori bianconeri, capaci di tutto ed anche di questi gesti, giammai mi aspetto azioni altrettanto deprecabili da parte di Cairo Il quale, da tempo, sa che le porte per una sua opzione sono apertissime.

In questa società degradata dai gossip, dal consumismo e dal desiderio smisurato di ricchezza ci sta dentro tutto ma invito tutti, a non pensare a eventualità del genere in quanto il nostro ambiente “granata”, che tanto ama i nostri colori e la nostra maglia, una eventualità del genere, non l’accetterebbe.
E’ appena il caso, poi, di ricordare (ma è bene che lo sappiano tutti i granata) quanto ho fatto per dare il Torino a Cairo e che senza il mio intervento risolutivo il Torino, oggi, avrebbe un altro Presidente ma ciò premesso, mai ho assunto pose protagoniste né “allargate” anzi, in questi anni, ha sempre rifiutato le ribalte giornalistiche e televisive che avrebbero reso celebre quella iniziativa.
Non per questo però non rivendico un “credito morale” profondo e significativo nei suoi confronti.
Roberto SALERNO
Presidente Torino Calcio Femminile

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!