Incredibile ma vero. Storica tripletta azzurra nella finale dei 100 metri femminili categoria T63 (atleti che competono con protesi a un arto) alle Paralimpiadi di Tokyo. Ambra Sabatini, 19enne originaria di Livorno e residente a Porto Ercole (Grosseto), che con 14”11 ha realizzato il record del mondo conquostando la medaglia d’oro. Argento a Martina Caironi, 31enne originaria di Alzano Lombardo (Bergamo) e residente a Bologna (14”46) e bronzo a Monica Graziana Contrafatto, 40enne originaria di Gela (Caltanissetta) e residente a Roma (14”73). L’azzurra, a fine gara, ha poi dedicato la sua medaglia di bronzo all’Afghanistan, paese nel quale ha perso una gamba dopo lo scoppio di una granata.

L’abbiamo fatta sporca, siamo campioni del Mondo”. Così le azzurre Ambra Sabatini, Martina Caironi e Monica Contrafatto commentano felici ai microfoni della Rai la medaglia d’oro nei 100 metri alle Paralimpiadi.

“È quello che sognavamo, è bellissimo», le parole della neo campionessa olimpica Sabbatini che ha iniziato a gareggiare dopo aver perso una gamba in un incidente. 

Il palmares azzurro salite a 69 podi complessivi (14 ori, 29 argenti, 26 bronzi), c