Calcio

La vignetta incredibilmente sessista di Charlie Hebdo sui Mondiali femminili

Credits: Getty Images

C’è chi si indigna e chi si fa una risata.Di sicuro la rivista satirica francese  Charlie Hebdo ne ha fatta una delle sue Il disegno messo in copertina che riprende un particolare del quadro L’origine del mondo di Gustave Courbet, rappresenta una donna nuda che ha un pallone incastrato nella va14gina. Il riferimento è chiaramente ai Mondiali femminili organizzati proprio in Francia.

La vignetta ha ovviamente scatenato le reazioni più differenti. Di scuro la maggior parte dell’opinione pubblica non l’ha gradita accusando la testata di sessismo. Altri sostengono la libertà di espressione dell’informazione.
La centrocampista americana Samantha Mewis è stata molto chiara ed elegante nella risposta:«Non è il tipo di notizie che avremmo voluto vedere. Spero che attraverso il nostro gioco, le persone possano capire che quello che stiamo facendo è fantastico e che meritiamo molto rispetto».
Giusto ricordare che nel 2016 l’idolo di casa Antoine Griezmann era stato disegnato come un enorme vibratore.

Informazioni sull'autore

Matteo Angeli

Matteo Angeli

Direttore responsabile

Il fatto di aver avuto un papà bravo giornalista ha indubbiamente segnato la mia vita. Ma di sicuro lui non ha influito minimamente quel giorno che, appena diciottennne, rimasi folgorato da un tremendo fatto di cronaca. Chiesi ad un cronista di portami con se e fu in quel momento, mentre osservavo la scena, che sentii nascere qualcosa dentro: da grande anch'io avrei fatto il giornalista. Neppure il tempo di pensare che mi trovai in prova a Radio Babboleo, l'emittente più importante della mia terra, la Liguria. Quindi l'assunzione, poi le prime esperienze in tv, sui giornali locali, fino ad approdare al "mitico" Corriere Mercantile. Cronaca nera, politica, spettacoli e poi sport, tanto sport. Poi tante altre esperienze, di ogni tipo, in ogni campo. Oggi dopo quasi trent'anni il giornalismo è cambiato, e non poco. Io, a parte qualche ruga e qualche capello bianco, sono invece rimasto lo stesso. Pronto all'ennesima sfida.

Commenta

Clicca qui per commentare