Chissà se per galanteria o più semplicemente per questioni logistiche, fatto sta che sono state proprie le donne del mondo del pallone ad aprire i giochi olimpici 2016, che domani,con la cerimonia inaugurale, vedranno davvero l’ultimo tedoforo dare il là a questa XXXI edizione.
Nel frattempo la caccia alle medaglie è partita già ieri, quando il primo incontro di calcio femminile ha visto scendere in campo, per il gruppo E, Svezia e Sudafrica. Ci ha pensato Fisher al 75’ a sbloccare una gara che fino a quel momento aveva visto la Svezia cercare con maggior insistenza il successo, permettendo così alle sue compagne di mettere in tasca i primi tre punti in palio.
A seguire è stata la volta di Canada – Australia, con le prime che rifilano un secco 2-0 alle loro avversarie, in un incontro dalle mille emozioni. Ad aprire le danze dopo nemmeno un minuto ci ha pensato Beckie, abile a finalizzare su assist di Sinclair. La squadra australiana non ci sta e parte alla ricerca del pareggio: diverse le azione collezionate che però non trovano la via del gol. E così nella ripresa, proprio quando l’1-1 sembrava nell’aria, arriva la rete che chiude il match grazie a Sinclair, abile in contropiede ad anticipare il portiere avversario (la stessa Sinclair aveva sbagliato un rigore pochi minuti prima).
Ci si aspetta moltissimo dal Brasile padrone di casa e le verdeoro non falliscono il primo appuntamento, mettendo al tappeto la Cina con un secco 3-0. Monica nel primo tempo, Andressa Alves e Cristiane nella ripresa, archiviano la pratica mostrando cinismo ed un gran bel gioco, che sicuramente inserisce il Brasile tra le più in forma in questo torneo.
Per il gruppo F c’è anche Zimbawe – Germania. Le tedesche non tradiscono le aspettative, anzi dominano in lungo e in largo le avversarie, rifilando loro un punteggio tennistico: 6-1 (questa la sequenza dei gol : Däbritz 23′, Popp 36′, Bhasopo 50′ (Zimbawe), Behringer 53′ ed 77′, Leupolz 83′ e autorete Chibanda (Zimbabwe) 90′). Anche la Germania dimostra così una gran voglia di fare sul serio.
Poteva forse mancare lo zampino Usa all’esordio? Assolutamente no ed ecco che, seppur con un po’ di fatica e con una prestazione non brillantissima, i tre punti arrivano pure per la nazionale a stelle e strisce. A farne le spese la Nuova Zelanda, costretta ad arrendersi ad Hope Solo e compagne. Marcatrici dell’incontro il pallone d’oro 2015 Lloyd e Morgan.
Cala infine il poker la Francia alla Colombia. Al 2’ è sfortunata Toppel che con un autogol regala la prima rete alle transalpine, al 14’ raddoppia Le Sommer, che ribadisce in rete da pochi passi, il tris arriva da Abily (’42), mentre nella seconda frazione arrotonda il punteggio all’82’ Majri.

Per gustarsi ancora un po’ di sano calcio femminile bisognerà attendere sabato 6 agosto, quando alle 20 torneranno sul terreno di gioco Canada – Zimbawe, alle 22 Usa – Francia e alle 23 Germania – Australia. Nella stessa notte si parte con ore 00.00 Sudafrica – Cina, ore 1 Colombia – Nuova Zelanda e alle ore 3 Brasile – Svezia.

Gruppo E
Svezia – Sudafrica 1-0
Brasile – Cina 3-0

Classifica
Brasile 3, Svezia 3, Sudafrica e Cina 0

Gruppo F
Canada – Australia 2-0
Zimbabwe – Germania 1-6

Classifica
Germania 3, Canada 3, Australia e Zimbabwe 0

Gruppo G
Usa – Nuova Zelanda 2-0
Francia – Colombia 4-0

Classifica
Francia 3, Usa 3, Nuova Zelanda e Colombia 0

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!