Gli Scudetti si vincono con le difese solide, dicono quelli che sono cresciuti a pane e calcio. Più che fare un gol più dell’avversario, a volte serve prenderne uno meno nelle partite chiave. Così ha fatto la Fiorentina Women’s che nei big match contro Brescia, Mozzanica e AGSM Verona ha preso soltanto 3 gol in 6 partite e contro tutte le altre, soltanto 4. In totale 7 gol subiti e ovviamente miglior difesa della Serie A.

Tra le protagoniste di questo risultato c’è Elena Linari, arrivata dal mercato estivo a Firenze e subito in pieno comando della linea difensiva. Poche, pochissime sbavature e tanta sicurezza col pallone che spesso partiva dai suoi piedi per iniziare l’azione. Il centrale, classe 1994, è al secondo Scudetto consecutivo dopo la vittoria lo scorso anno a Brescia. Probabilmente non è un caso che la difesa delle Leonesse, perdendo Linari, abbia perso certezze in zona centrale ed entrambi gli scontri diretti con la Viola.

E ora? Da fiorentina Linari, quasi certamente nella prossima stagione resterà e si giocherà le sue carte in Women’s Champions League con questi colori a cui è tanto legata. Prima però c’è una Coppa Italia da giocare, e magari vincere per bissare il doppio successo come nella scorsa annata.

Arrivare con la bacheca piena di trofei, vorrebbe dire caricarsi ancora di più in vista degli Europei dove Linari indosserà la maglia Azzurra e dovrà guidare la difesa contro degli avversari decisamente ostici. Non chiamatela prova del 9, ma del 5… come il suo numero di maglia.