Vari

Maltempo, “Treviso in rosa” cambia data. Rinviata al 19 maggio

Credit: Radini

E’ ufficiale: Treviso in rosa cambia data. A causa del grave maltempo, annunciato per domenica, la manifestazione è stata spostata a domenica 19 maggio. Resta confermata la distribuzione del kit di partecipazione alle iscritte a livello individuale per sabato 4 maggio, dalle ore 9.00 alle ore 19.00, al BHR Treviso Hotel (via Postumia Castellana 2, Quinto di Treviso). Le iscrizioni, chiuse dal 28 aprile, non riapriranno.

L’edizione 2019 di Treviso in rosa ha numeri da brivido: le iscritte, come detto, sono esattamente 17.543. Treviso in rosa si conferma così tra le corse al femminile più partecipate dItalia. La prima in assoluto, considerando le ridotte dimensioni della città che la ospita. Mai in provincia di Treviso, territorio podistico per eccellenza, si è svolta una corsa con un così elevato numero di partecipanti. Che siano tutte donne, accresce ancora di più il significato dell’iniziativa. Treviso in rosa avrà anche un fine solidale: su proposta della LILT, grazie a Treviso in rosa, sarà acquistato un pulmino attrezzato da destinare al trasporto dei malati oncologici.

PER INFO LEGGI QUI

Informazioni sull'autore

Matteo Angeli

Matteo Angeli

Direttore responsabile

Il fatto di aver avuto un papà bravo giornalista ha indubbiamente segnato la mia vita. Ma di sicuro lui non ha influito minimamente quel giorno che, appena diciottennne, rimasi folgorato da un tremendo fatto di cronaca. Chiesi ad un cronista di portami con se e fu in quel momento, mentre osservavo la scena, che sentii nascere qualcosa dentro: da grande anch'io avrei fatto il giornalista. Neppure il tempo di pensare che mi trovai in prova a Radio Babboleo, l'emittente più importante della mia terra, la Liguria. Quindi l'assunzione, poi le prime esperienze in tv, sui giornali locali, fino ad approdare al "mitico" Corriere Mercantile. Cronaca nera, politica, spettacoli e poi sport, tanto sport. Poi tante altre esperienze, di ogni tipo, in ogni campo. Oggi dopo quasi trent'anni il giornalismo è cambiato, e non poco. Io, a parte qualche ruga e qualche capello bianco, sono invece rimasto lo stesso. Pronto all'ennesima sfida.

Commenta

Clicca qui per commentare