E’ un Antonio Cabrini a tutto campo quello che si confessa in diretta sulla pagina Facebook di Sky Sport.

“Ci siamo qualificati per le fase finali, è un traguardo meritato dalle ragazzze che ci hanno creduto. Non era facile raggiungere l’obiettivo ma anche la Federazione in questi anni ha spinto il movimento femminile. C’è ancora molto da fare ma nell’arco di 4 o 5 anni penso si possa arrivare ad un livello alto. Cosa cambia nell’allenare ragazzi e ragazze? La differenza sta nel rapporto. Il ragazzo lo gestisci meglio perché lui fa quello che dici e basta, la donna è più puntigliosa: la devi capire e ti chiederà sempre il perché delle cose, vuole sapere qualsiasi cosa. Devi essere più psicologo con le donne. La donna è complicata, noi siamo più semplici. Allargamento dell’Europeo femminile a 16 squadre? Penso sia il numero giusto, 12 sarebbero veramente troppo poche”.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!