Pallavolo Sport

Mondiale / L’Italia piega anche la Russia: ora siamo tra le prime sei al mondo

Mondiale / L'Italia piega anche la Russia: ora siamo tra le prime sei al mondo
La giovane Italia del volley continua a vincere. E a convincere. La Russia, avversario ostico, è chiamata alla vittoria per non complicare il traguardo delle final six, obiettivo che la Nazionale azzurra otterrebbe vincendo due set.

La giovane Italia femminile del volley continua a vincere. E a convincere. Ancora una vittoria e questa volta è di quelle che pesano perché le ragazze si sono conquistate la final six.
La Russia, avversario ostico, è chiamata alla vittoria per non complicare il traguardo delle final six, obiettivo che la Nazionale azzurra otterrebbe vincendo due set. Le russe partono bene, conducendo il primo set punto a punto e portandolo a casa con il punteggio di 25-22. Se nel primo periodo l’Italia ha dimostrato comunque di giocarsela alla pari, nel secondo la Russia fugge immediatamente sul +5 (5-10). Le azzurre ritornano a due sole lunghezze ma le avversarie riconquistano i cinque punti di vantaggio (10-15, 11-16, 12-17 e 13-18). Qua l’inerzia della partita cambia e con una prova strepitosa le azzurre, dopo aver ridotto di un punto lo svantaggio (15-19), riescono a realizzare otto punti di fila sfruttando il turno in battuta di Bosetti e portandosi sul 23-19. Il punto di Biryukova illude le russe, che però perdono il set cadendo sotto i colpi di Danesi ed Egonu (25-20). L’Italia trova l’1-1 avendo la forza di recuperare un set sotto di cinque e rifilando un parziale di 12-2. Nella terza frazione le azzurre tentano l’allungo (5-2), vengono raggiunte (7-7) ma riescono a fuggire (12-8) mantenendo il vantaggio e chiudendo agevolmente sul 25-18 con uno strepitoso ace di Egonu. È il punto del 2-1, ma soprattutto è il punto che garantisce all’Italia l’accesso alle final six. Il quarto set si gioca punto a punto (5-5) ma la Russia arriva al timeout tecnico sul +3 (5-8). Le ragazze di Davide Mazzanti, tuttavia, hanno ancora la forza di andare a riprendere le avversarie sul 12-12. Si rigioca punto a punto fino al 17-17 quando un punto di Egonu e due di Sylla riportano l’Italia sul +3 (20-17). Un’invasione a rete e un errore di Egonu riavvicinano le russe (20-19) ma la stessa classe ’98 di origini nigeriane stampa il punto del 21-19 causando anche un leggero infortunio a Startseva, costretta a uscire per la botta subita. Ancora la cittadellese serve un ace e mette giù un pallone da seconda linea. Visto anche l’errore intermedio di Kotikova, le azzurre sono ora sul 24-19. Egonu, stavolta, sbaglia il servizio e attacca fuori. In mezzo Chirichella è murata. Tre match point sono così andati ma l’errore al servizio di Biryukova consegna il successo all’Italia.

Italia – Russia 3-1 (22-25, 25-20, 25-18, 25-22)

Italia: Sylla 13, Chirichella 9, Malinov 2, Bosetti 12, Danesi 9, Egonu 29. Libero: De Gennaro.
Subentrate: Cambi, Parrocchiale.
Non entrate: Ortolani, Nwakalor (L), Fahr, Pietrini, Lubian.
Ct: Mazzanti.

Russia: Voronkova 21, Fetisova 12, Biryukova 7, Parubets 13, Koroleva 11, Startseva. Libero: Galkina.
Subentrate: Malygina, Kotikova 2, Romanova.
Non entrate: Efimova, Lyubushkina, Talysheva.
Ct: Pankov.

Spettatori: 480. Durata Set: 28’, 27’, 26’, 31’.
Italia: 4 a, 9 bs, 15 m, 19 et.
Russia: 3 a, 11 bs, 8 m, 22 et.

Foto: Fipav.