Tutto pronto per la spedizione azzurra di ciclismo che saranno impegnate ai Mondiali Strada e Crono di Innsbruck dal 23 al 30 settembre. In palio ci sono 10 titoli iridati tra strada e crono, per le categorie uomini (juniores, U23 ed Elite) e donne (juniores ed Elite).

Il settore femminile italiano è in un ottimo momento di forma sia su strada che su pista. Guidato dal CT Dino Salvoldi è ben rappresentato anche a questo appuntamento iridato, con un organico di atlete medagliate e di altissimo livello.

“Dopo i due sopralluoghi effettuati, il percorso della prova in linea lascia spazio ad una sola interpretazione: è per atlete resistenti e con grande attitudine alle salite – spiega il Ct – Sia la parte finale come quella iniziale, richiedono più che un gioco di squadra o abilità tattica, una vera e propria attitudine e condizione dell’atleta: questa la grande differenza che riscontro rispetto agli altri mondiali che ho affrontato nel ruolo di commissario tecnico. Ci siamo abituati a vedere le nostre azzurre al massimo della condizione, come Longo Borghini, che è la nostra migliore individualità , e atlete di livello come l’olandese Van Vleuten e altre individualità dell’Olanda che in questa stagione hanno dimostrato di essere superiori. Tra le juniores abbiamo, invece, la squadra migliore ma non le due individualità  più forti nel gruppo. Sapremo cogliere l’opportunità quando si presenterà”.

Per la Nazionale Donne Elite in linea il CT ha ufficializzato 5 titolari su sette. Se la giocheranno quindi: Cavalli, Guderzo, Pirrone, Quagliotto e Ratto. Ma attenzione anche a Giorgia Bronzini…

 

Nella foto:Bastianelli, Fancellu, Guazzini. Salvato (Castelli) Di Rocco, Gabriotti i CT e l’azzurro Manfredi.