“La squadra avversaria, con i suoi tifosi e dirigenti, ha ripetutamente fatto oggetto le ragazze del Torino calcio femminile di gravissime espressioni omofobiche e di scherno che hanno obbligato i nostri dirigenti a richiedere l’intervento del direttore di gara”. Con queste parole, il presidente del Torino Calcio femminile, Roberto Salerno aveva denunciato la Bruinese in occasione di un Torneo a cui le Giovanissime granata stavano partecipando.

Questa la replica del Delegato della LND, Sandro Morgana: “La Lega Nazionale Dilettanti condanna fermamente ogni forma di discriminazione. Se confermati i fatti sono chiaramente di assoluta gravità pertanto saremo parte attiva per accertarne la verità così come nel reperire le necessarie informazioni da trasferire alla Procura Federale”.

Dal canto suo la Bruinese, col presidente Andrea Taramasco, aveva specificato: “La società nega in modo inequivocabile le pesanti accuse mosse nei propri confronti dal presidente Salerno. Alla luce delle testimonianze dei presenti all’incontro e degli organizzatori del torneo, la Polisportiva si dichiara assolutamente estranea ai fatti. La Bruinese da anni agisce sul territorio promuovendo eventi di carattere sociale ed educativo, come il trofeo femminile che si sta disputando in questi giorni, il trofeo delle donne in programma per il 26 maggio e il torneo un calcio al bullismo”.