Valeria Dal Molin, centrocampista classe 1999 ha fatto il suo debutto in serie B con la maglia del Fortitudo Mozzecane. Intervistata dal club ha raccontato le sue prime impressioni: “Esordire in serie B è una bella emozione e una grande soddisfazione”.

Per lei due assist alla prima da titolare: “Sono molto felice di aver aiutato le mie compagne a segnare: dare due passaggi vincenti nel mio esordio dal primo minuto è proprio fantastico. Volevo dimostrare a mister Comin di poter ben figurare non solo in Primavera ma pure in serie B, una categoria tosta, impegnativa, in cui non ho mai giocato e dove la possibilità di commettere errori è ridotta al minimo. Quando posso mi piace far gol, però gli assist sono sempre stati il mio pane quotidiano: anzi, anche se sono sola tendo a passare il pallone”.

Sulla gara col Trento Clarentia: “Mi do un 7,5. Sono soddisfatta e mi è piaciuto il modo con cui ho interpretato la gara, però ho sbagliato un po’ di cose e sono consapevole di poter dare molto di più. Il 2-2? Un risultato deludente. La Fortitudo Mozzecane ha disputato una bella partita e sarebbe potuta tornare a casa con i tre punti. Invece, abbiamo commesso alcuni errori e siamo state punite. Peccato, subire il pareggio all’ultimo minuto mi ha lasciato un forte amaro in bocca. Tale esperienza ci servirà per il futuro”.

Sull’approdo in B dopo l’esperienza con la Primavera dell’AGSM Verona: “Se ha una grande forza di volontà, amore per il gioco e voglia di sacrificarsi, anche una ragazza di sedici anni può stare in certe categorie. Ho poca esperienza e so di avere ancora parecchia strada da percorrere, ma ci sto mettendo l’anima: il mio sogno è diventare una calciatrice di alto livello”.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!