Programmare la prossima stagione significa anche dire addio a chi, per un motivo o per l’altro, dice addio alla squadra. E’ questo il caso di Palma Polito, 26enne giocatrice del Napoli Dream Team che ha scelto di lasciare il calcio.

“Personalmente – spiega Polito al sito del club campano – ci tenevo a disputare un altro anno di serie B in quanto il primo finì per via di un infortunio e sono voluta restare per dare una mano alle compagne poiché pochi elementi avevano già partecipato ad un campionato di B. Credo che possiamo tranquillamente competere con altre realtà più ferrate del campionato e sono convinta che i punti persi sono per l’inesperienza e, tralasciando il Chieti e la Roma, ce la siamo giocata con tutte. In squadra si è rispettato l’albero dell’asse centrale formato dal portiere, dal difensore centrale, dal centrocampista e dall’attaccante. Sinceramente credo che avrei potuto personalmente fare molto meglio ma quando ci si tiene troppo ad una squadra ti porta anche a commettere degli errori che magari lucidamente non avrei commesso ma quando prevale il cuore e vuoi dare tutto, c’è il rischio di non essere razionale e, di conseguenza, può succedere di compiere delle leggerezze”.

E infine: “Tralasciando qualche prestazione personale poco esaltante, mi ritengo fortunata in quanto sono riuscita ad allenarmi un paio di volte a settimana e quindi gestire i chilometri, con il lavoro ed il calcio è andata abbastanza bene. Ringrazio tutte le ragazze per l’affetto dimostrato verso la sottoscritta, cosa che si è notata anche durante la cena di fine anno in quanto, nel calcio dilettantistico, vengono prima le persone e successivamente le calciatrici e, di conseguenza, la loro reazione, per me è la vittoria più importante della mia carriera poiché ho lasciato qualcosa in ognuna di loro. Il calcio è un hobby e a ventisei anni sono consapevole che nella vita voglio dedicarmi ad altro ed ho deciso di lasciare il calcio giocato ma questo è un addio solo sul rettangolo di gioco in quanto seguirò le ragazze il più possibile”.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!