Prima no e poi si. L’Italia di Cabrini sta disputando la fase di qualificazione ad Euro 17 (Campionato Europeo che si disputerà il prossimo anno nei Paese Bassi dal 16 luglio al 6 agosto) e dopo gli ultimi incontri si ritrova al 2° posto del suo girone di qualificazione.

Nel dettaglio sabato 9 aprile è stata sconfitta a Biel per 2-1 dalla capolista Svizzera, ancora una volta risultata imbattibile per l’armata azzurra. A giudicare l’andamento della gara sono, però, diversi i rammarichi per Gama e compagne, viste le innumerevoli occasioni avute. Il vantaggio elvetico arriva già al 7’ con Bachmann, ma le nostrane sono brave a non scomporsi troppo. Peccato solo che la cattiveria (e la fortuna) là davanti pecchi un po’, e prima del riposo arriva anche il raddoppio, stavolta con Touchman, abile a battere Schroffennegger con un tiro a parabola. Nella ripresa il ct passa dal 352 al 433 e viene premiato al 20’ quando la neoentrata Parisi deposita in rete il gol che accorcia le distanze grazie ad un preciso rasoterra. Purtroppo però questa marcatura non basta a riaprire la gara, il palo e Michel fermano ancora gli attacchi azzurri ed al triplice fischio il risultato è di 2-1.

Tre giorni dopo il ko in terra elvetica, l’Italia torna in patria e riesce finalmente a sorridere, nonostante nemmeno la sfida con l’Irlando del Nord sia stata una passeggiata. Le azzurre si affermano in rimonta, dopo aver chiuso la prima frazione sullo 0-0 (nonostante le molteplici occasioni avute) e dopo aver subito nella ripresa la rete di Magill (62’). Il tecnico non ci sta e manda in campo Sabatino per dar più peso all’attacco: mai cambio fu più azzeccato, il centravanti del Brescia al 71’ pareggia i conti sfruttando al meglio un cross di Guagni. L’1-1 non basta e all’86’ arriva anche il vantaggio: fa tutto bene Bonansea che scaglia un tiro su cui l’estremo difensore irlandese non è decisa, la sua respinta corta infatti finisce tra i piedi di Mauro che non sbaglia. Esplode così il Mapei Stadium, gremito di tifosi, fa le “prove” in vista della finale di Woman Champions League del 26 maggio. Come se non bastasse a tempo scaduto (93’) arriva anche il tris, firmato da Stracchi che raccoglie da una rimessa laterale e con una bella girata fa calare il sipario.

Ora si torna ai club, i prossimi impegni per la Nazionale saranno il 7 giugno con Georgia – Italia, il 16 settembre Irlanda del Nord – Italia e il 20 settembre per Italia – Repubblica Ceca.

CLASSIFICA
Svizzera 15
Italia 9
Repubblica Ceca, Irlanda del Nord 3
Georgia 0

(Fonte foto: calciofemminile.lnd)

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!