Domani sera allo Stadio Alberto Picco di La Spezia alle 20.30 (diretta su Rai Sport) ci sarà l’esordio del CT Milena Bertolini alla guida della Nazionale Italiana di Calcio Femminile, nella prima gara di qualificazione al Campionato del Mondo di Francia 2019.

Il Presidente della FIGC, Carlo Tavecchio, ha inviato il suo saluto al neo CT, ribandendo ancora una volta quanto la FIGC intenda valorizzare il Calcio Femminile, queste le sue parole:

“La Nazionale Italiana di Calcio Femminile torna alla Spezia per celebrare un nuovo inizio. A due anni dalla vittoriosa partita con la Georgia, grazie alla disponibilità del club spezzino e dell’Amministrazione comunale, le Azzurre cominciano allo stadio Picco contro la Moldavia la fase di qualificazione al Mondiale del 2019. Lo fanno con Milena Bertolini al debutto in panchina, allenatrice vincente che fa della preparazione scrupolosa e della grande esperienza le sue principali caratteristiche. A seguito dell’avvicendamento con Antonio Cabrini, che ringrazio per quello che ha fatto e al quale rivolgo i migliori auguri per il prosieguo della sua carriera, è a lei che la FIGC si è affidata per provare a centrare un obiettivo che all’Italia manca da troppo tempo (1999). La Nazionale inizia un nuovo percorso, dunque, ma è tutto il movimento femminile che sta finalmente vivendo un periodo di positiva fibrillazione. La FIGC sta lavorando affinchè il calcio in rosa abbia un grande futuro e di conseguenza possa crescere calciatrici sempre più competitive a livello internazionale. Ciò sarà possibile, ne sono convinto, grazie al lavoro che fanno le Nazionali, da sempre volto all’eccellenza, e grazie agli importanti investimenti che stanno facendo diversi club maschili di Serie A. I Loro interventi nel femminile, infatti, hanno portato fiducia e visibilità al sistema. Una volta messi a regime, continuando a lavorare con particolare attenzione nei settori giovanili, eleveranno definitivamente il livello qualitativo complessivo. È una sfida che dobbiamo vincere tutti insieme, media e tifosi compresi, perché la crescita del calcio femminile in Italia rappresenta un risultato rilevante per l’intero Paese. Iniziando, magari, da una qualificazione al Mondiale che porterebbe entusiasmo e grande coinvolgimento”.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!