Si conclude matematicamente con questa sconfitta l’Europeo della Nazionale Italiana Calcio Femminile che ieri sera a Tilburg è stata battuta da una Germania forte e ben messa in campo ma che non dava la sensazione di essere lo squadrone che ci si attendeva. Le nostre ragazze sono entrate in campo determinate e consapevoli di giocarsi tutto in novanta minuti, ma purtroppo non è bastato. La sconfitta contro la più titolata Germania la si poteva anche preventivare, quello che non ci si aspettava era la sconfitta contro la Russia, ampiamente alla portata delle nostre ragazze, dove una concentrazione non adeguata e delle scelte tecniche “discutibili” hanno fatto diventare l’Europeo della Nazionale molto difficile.

Partita comunque bella e molto combattuta. La partenza è di marca tedesca, con un pericoloso colpo di testa di Peter al 2’. La risposta dell’Italia arriva al 14’: sul traversone di Bonansea, per un soffio Mauro in scivolata non arriva alla deviazione. Cinque minuti dopo, però, la Germania passa in vantaggio, con un colpo di testa di Hinning brava ad approfittare di un errore di Giuliani.

Le tedesche cercano di sfruttare il momento favorevole, ma al 25’ Giuliani si fa perdonare deviando in angolo un insidioso pallonetto di Mittag. Dalla bandierina la Germania crea un’altra occasione da gol con Dabritz, che colpisce però il palo.
Bella partita, l’Italia se la gioca a testa alta e con l’atteggiamento giusto. Non perde la testa, aspetta il momento opportuno per colpire e lo trova al 29’ quando Linari recupera palla e serve Bonansea, bella la combinazione di quest’ultima con Ilaria Mauro che raccoglie il cross e di sinistro brucia il portiere Schult.
Trovato il pareggio, le Azzurre acquistano fiducia, ma il primo tempo si chiude con l’infortunio all’ultimo minuto di Mauro costretta a lasciare il campo. Al suo posto entra Girelli.
Nella ripresa stesso copione con la Germania subito pericolosa con Islacker che colpisce il palo. Al 22’ arriva il raddoppio delle tedesche su rigore trasformato da Peter e dopo tre minuti la squadra di Cabrini resta in dieci per l’espulsione di Bartoli, punita dal secondo giallo.
In inferiorità numerica, le Azzurre soffrono mentre le tedesche vanno vicine al gol in un paio di occasioni. Sfortunata, l’Italia perde al 28’ anche Cernoia per infortunio, sostituita da Tucceri Cimini. Mentre la Germania sciupa la palla per chiudere l’incontro,  risponde Bonansea mancando di un soffio il pareggio. Prima del fischio finale l’ultima sostituzione di Antonio Cabrini, con Gabbiadini che lascia il posto a Sabatino e la fascia di capitano a Carissimi.

Martedì prossimo si tornerà in campo per giocare l’ultima partita contro la Svezia e molto probabilmente sarà anche l’ultima panchina di Antonio Cabrini, CT che a nostro parere non è mai riuscito a dare un’impronta decisa alla nostra Nazionale e a farle esprimere le potenzialità che le ragazze hanno spesso dimostrato con eccessi di personalismo e non a livello corale. Grazie Mister ma adesso è arrivato il momento di cambiare!

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!