Triste decisione presa dalla dirigenza della Giò Volley Aprilia fresca di promozione nella Serie A di pallavolo femminile. Per problemi relativi alla mancanza di strutture adeguate il club ha infatti deciso di ripartire dalla serie inferiore. Davvero un brutta notizia che stride con il momento d’oro della pallavolo italiana che domani sarà protagonista della finale di Champions League a Berlino. La speranza è che la situazione si risolva e che il club possa riconquistare al più presto quello ha meritato sul campo con passione e lavoro.
La Giò Volley non rischia e riparte dalla Serie B: B1 o B2 progetto giovani, dipenderà dalle decisioni che verranno prese dal Direttivo societario – spiega patron della club pontino Pietro Malfatti- Non disponiamo delle strutture per operare dignitosamente e dell’impianto sportivo da 500 posti per supportare la categoria di serie A. La Lega Pallavolo Serie A non concede proroghe per l’iscrizione, che deve avvenire entro il 26 giugno, data entro la quale occorre presentare le certificazioni dell’impianto omologato. Purtroppo siamo punto a capo con il problema impianti, nonostante quanto previsto nei programmi elettorali per il settore sportivo della città. Sono deluso ed amareggiato poiché abbiamo conquistato sul campo la categoria di Serie A, un capitale sportivo e sociale per l’intera città di Aprilia, un patrimonio culturale per l’appartenenza allo sport del volley femminile, che oggi rappresenta il primo sport nazionale dopo il calcio. Altresì viene a mancare il punto di riferimento per le centinaia, se non migliaia, di atleti della provincia di Latina“.
E poi ancora: “Resteremo in campo e daremo battaglia affinché Aprilia abbia uPalazzetto pubblico  nel vero senso della parola, opportunamente conformato ed attrezzato, destinato alla pratica di più attività sportive e che possa ospitare gli eventi nazionali. Non solo, ma anche come investimento sociale per il territorio, dove le società sportive potranno usufruirne come campo gara, per dare la possibilità agli abitanti della città di poter assistere agli eventi sportivi a condizioni agevolate. Questo per il bene che vogliamo alla nostra Città, allo sport ed ai tantissimi giovani che non meritano di abbandonare la possibilità di fare sport agonistico ad Aprilia”.