Pallavolo Sport

Pallavolo/Samsung Volley Cup, 8ª giornata: sintesi e tabellini

Zanetti_Bergamo
Zanetti Bergamo Volley

Serie A1: calendario, risultati e classifica aggiornata all’8ª giornata

Tornano in campo le ragazze della pallavolo femminile per l’8ª giornata della Samsung Volley Cup. Vola la Igor Gorgonzola Novara che, sul velluto, batte Saugella Team Monza e mette un bel po’ di punti tra il primo posto e le inseguitrici. Resta a -5 dalla vetta l’Imoco Volley Conegliano che in quattro set batte il Club Italia Crai. Cade invece la Unet e-work Busto Arsizio, in casa, contro la Savino Del Bene Scandicci.  Ne approfitta la Pomì Casalmaggiore che l’aggancia in classifica dopo un combattutissimo match in cinque set contro Banca Valsabbina Millenium Brescia. La Zanetti Bergamo concretizza il filone positivo di risultati battendo la Lardini Filottrano, ottima prestazione per Bosca San Bernardo di Cuneo che in casa contro Il Bisonte Firenze conquista la prima storica vittoria casalinga in quattro set.

La vittoria pulita della Igor Gorgonzola Novara, in vetta alla classifica con 23 punti, matura fin dal primo set contro Saugella Team Monza. Le avversarie partono forte e si portano agilmente sul 1-7 quando arriva il primo timeout da parte di coach Barbolini. Riorganizzate le idee la Igor in un amen riesce a ridurre il vantaggio fino a 8-10. Il sorpasso matura grazie a Egonu che porta Novara sul 19-18. Il primo set procede punto a punto, ma un errore in battuta dell’ex Partenio, dà la prima vittoria alla squadra di casa per 25-23. L’inerzia positiva della prima frazione di gioco permette alla Igor di giocare con più tranquillità il secondo set. In pochi minuti la squadra di Egonu è già sull’8-1 con Saugella Team Monza che fatica a rientrare in partita. La reazione delle ospiti non arriva e Novara si porta agilmente sul 20-8. Coach Falasca cambia il sestetto in campo, ma non cambia la musica e Monza chiude il secondo set 25-15. L’ultima frazione di gioco è un remake di quanto già visto in campo: Novara riprende da dove aveva lasciato, Piccinini e Egonu non lasciano tregua alle avversarie ed è subito 14-9. Coach Falasca ferma il gioco e Monza riesce ad accorciare sul 16-13, ma Novara sfrutta al meglio le sue qualità difensive e si porta sul 22-17. Il match finisce 25-19 grazie al punto segnato da Piccinini.

L’Imoco Volley Conegliano concede il primo set al Club Italia Crai, ma conquista la vittoria costruendo punto su punto la rimonta. La squadra ospite non regala niente, gioca aggressivo e paga anche qualche errore di troppo. Il gioco del Club Italia, che patisce l’assenza di Pietrini, Fahr e Lubian per infortunio, è efficace e gli permette di allungare sul 7-10 nel primo set. Non ci sta l’Imoco che, grazie alla pressione esercitata da Nagaoka, riesce a portarsi in pareggio e a sorpassare Crai sul 13-12. Il match si accende e le squadre giocano punto su punto: Nwakalor regala il controsorpasso della Crai, di nuovo la giapponese agguanta il pareggio per Conegliano. È una Populini in grande spolvero che chiude il conto 23-25, con 7 punti nel set. L’equilibrio tra le due squadre non cambia nel secondo set, dove però è Imoco a partire meglio e a portarsi sul 10-5. Nagaoka chiede il cambio per un problema al ginocchio e l’Imoco perde lucidità permettendo a Crai di recuperare punti e portarsi a -1 sul 20-19. La protagonista sul finale di set è Moretto che porta Imoco sul 24-20, chiude Fabris 25-21 e le due compagini si trovano uno set pari. Nel terzo set viene fuori prepotentemente Imoco che, grazie all’inerzia del secondo parziale, si porta subito sul 10-7. Club Italia non ci sta e si riporta sotto grazie a Populini, ma Imoco è scatenata e grazie a due aces di Hill torna in vantaggio di cinque punti. Le pantere di Conegliano suonano la carica e si portano velocemente sul 25-15. Club Italia Crai si gioca tutto ad inizio di quarto set dove si porta in avanti 9-12. Il vantaggio dura poco e sul 16-16 arriva il sorpasso delle padrone di casa. Moretto realizza il 21-19 e Tirozzi chiude il set 25-21.

Passo falso per la UYBA contro la Savino Del Bene Scandicci. La squadra di coach Parisi parte bene, ma le avversarie restano in partita e giocano punto su punto. Sul 7-5 per Busto Arsizio è il fallo di Orro a permettere il pareggio alla squadra ospite. Le squadre procedono appaiate fino al 15 pari, poi Scandicci allunga con l’ace di Malinov e il punto di Haak che porta il risultato sul 18-21. Qualche errore di troppo da parte di Busto permette alla squadra toscana di chiudere il primo parziale sul 21-25. Il secondo set si apre con la UYBA in avanti sul 5-1 ma Scandicci recupera e sorpassa. Il match procede punto su punto fino al 17 pari, poi Grobelna realizza il break sul 19-17. Busto arsizio sembra lanciata ma la squadra toscana pareggia prima sul 22-22 e poi sul 24-24. Ai vantaggi Herbots attacca per il 24-25 e si fa murare per il 24-26. L’ultimo set replica i precedenti, tanto equilibrio, sorpassi e controsorpassi fino all’allungo decisivo della squadra ospite con Haak che porta Scandicci sull’11-18. Il finale è tutto di matrice toscana che chiude il conto sul 15-25.

Ottima vittoria per la Zanetti Bergamo che in quattro set chiude la pratica contro la Lardini Filottrano. La vittoria è schiacciante in tutti e tre i parziali che Bergamo gioca con intensità e chiude rispettivamente sul 25-18, 25-28 e 25-16. La Lardini del neo allenatore Filippo Schiavo non riesce ad imporsi, sebbene giochi un ottimo terzo set, ma gli inserimenti di Bergamo con Mali Smarzek, Camilla Mingardi e Carlotta Cambi fanno la differenza. Nel secondo parziale sono sempre l’opposto polacco e la Mingardi a fare la differenza con sei punti a testa e una percentuale realizzativa da capogiro. Nel terzo set Filottrano prova con Whitney e Cogliandro a rendersi pericolosa e riesce a strappare una vittoria di tutto cuore, combattuta punto su punto. Il pareggio arriva sul 17-17, poi Lardini va nuovamente sotto e conquista di nuovo la parità sul 20-20. La squadra ospite si conquista tre palle set: prima e seconda annulate da Courtney e Tapp, terza realizzata e 2-1 sul tabellone. Il quarto e ultimo set è il più caldo: Zanetti non ci sta e parte forte, Lardini difende e cerca di rimanere nel match. Un errore di Filottrano permette a Bergamo il break sul 11-10. Il vantaggio e l’allungo decisivo arriva con il muro di Tapp sul 15-13 che diventa in un amen 17-13. Strappo decisivo della Zanetti che chiude il conto sul 25-16. 


Serie A1, 8ª giornata: i tabellini

IGOR GORGONZOLA NOVARA – SAUGELLA TEAM MONZA 3-0 (25-23 25-15 25-19)
IGOR GORGONZOLA NOVARA: Piccinini 5, Chirichella 5, Carlini 6, Bartsch 10, Veljkovic 7, Egonu 20, Sansonna (L), Plak 2, Nizetich, Zannoni. Non entrate: Bici, Stufi, Picchi. All. Barbolini.
SAUGELLA TEAM MONZA: Adams 10, Hancock 4, Orthmann 3, Melandri 4, Ortolani 9, Begic 11, Arcangeli (L), Bianchini 4, Devetag 2, Balboni, Partenio. Non entrate: Bonvicini, Facchinetti. All. Falasca. ARBITRI: Lot, Boris. NOTE – Spettatori: 2450, Durata set: 27′, 22′, 24′; Tot: 73′.

IMOCO VOLLEY CONEGLIANO – CLUB ITALIA CRAI 3-1 (23-25 25-21 25-15 25-21)
IMOCO VOLLEY CONEGLIANO: Tirozzi 8, De Kruijf 15, Bechis 1, Hill 18, Moretto 10, Nagaoka 6, De Gennaro (L), Fabris 10, Wolosz 1, Fersino. Non entrate: Samadan, Sylla, Danesi, Folie. All. Santarelli.
CLUB ITALIA CRAI: Morello, Omoruyi 11, Kone 5, Nwakalor 14, Populini 14, Nwakalor 1, De Bortoli (L), Malual 2, Scola 1, Panetoni, Battista. Non entrate: Pietrini, Lubian. All. Bellano. ARBITRI: Saltalippi, Frapiccini. NOTE – Spettatori: 4680, Durata set: 29′, 26′, 23′, 26′ ; Tot: 104′.

UNET BUSTO ARSIZIO – SAVINO DEL BENE SCANDICCI 0-3 (21-25 24-26 15-25)
UNET E-WORK BUSTO ARSIZIO: Gennari 8, Berti 4, Orro 3, Herbots 9, Bonifacio 7, Grobelna 9, Leonardi (L), Meijners 1, Piani 1, Peruzzo. Non entrate: Botezat, Cumino. All. Mencarelli.
SAVINO DEL BENE SCANDICCI: Bosetti 9, Ferreira Da Silva 9, Haak 20, Vasileva 8, Stevanovic 8, Malinov 5, Merlo (L), Papa, Caracuta. Non entrate: Mitchem, Zago, Hood, Mazzaro, Bisconti. All. Parisi. ARBITRI: Tanasi, Cappello. NOTE – Spettatori: 2582, Durata set: 26′, 33′, 21′; Tot: 80′.

POMI’ CASALMAGGIORE – MILLENIUM BRESCIA 3-2 (18-25 25-17 25-21 18-25 15-8)
POMI’ CASALMAGGIORE: Bosetti 8, Arrighetti 13, Rahimova 25, Carcaces 17, Mio Bertolo 3, Pincerato 5, Spirito (L), Kakolewska 9, Gray 2, Marcon, Cuttino, Lussana. Non entrate: Radenkovic. All. Gaspari.
BANCA VALSABBINA MILLENIUM BRESCIA: Di Iulio, Villani 7, Veglia 12, Nicoletti 26, Rivero 16, Washington 9, Parlangeli (L), Pietersen 3, Miniuk, Norgini, Bartesaghi, Biava. Non entrate: Manig, . All. Mazzola. ARBITRI: Feriozzi, Turtu’. NOTE – Spettatori: 2050, Durata set: 24′, 24′, 30′, 23′ , 14′ ; Tot: 115′.

ZANETTI BERGAMO – LARDINI FILOTTRANO 3-1 (25-18 25-18 23-25 25-16)
ZANETTI BERGAMO: Courtney 16, Tapp 9, Cambi 2, Mingardi 16, Olivotto 7, Smarzek 21, Sirressi (L), Imperiali, Acosta Alvarado. Non entrate: Carraro, Strunjak, Loda. All. Bertini.
LARDINI FILOTTRANO: Cogliandro 12, Tominaga 4, Vasilantonaki 12, Garzaro 11, Whitney 14, Di Iulio 8, Cardullo (L), Scwhan 2. Non entrate: Yang, Pisani, Rumori, Baggi. All. Schiavo. ARBITRI: La Micela, Simbari. NOTE – Spettatori: 966, Durata set: 22′, 26′, 29′, 23′ ; Tot: 100′.

BOSCA SAN BERNARDO CUNEO – IL BISONTE FIRENZE 3-1 (25-19 23-25 25-21 25-23)
BOSCA SAN BERNARDO CUNEO: Cruz 5, Mancini 5, Van Hecke 31, Salas 15, Zambelli 6, Bosio 1, Ruzzini (L), Markovic 8, Baiocco. Non entrate: Kavalenka, Menghi, Kaczmar. All. Pistola.
IL BISONTE FIRENZE: Popovic 7, Lippmann 7, Degradi 4, Alberti 2, Dijkema 3, Sorokaite 12, Parrocchiale (L), Santana 17, Daalderop 2, Candi 2, Bonciani. Non entrate: Venturi. All. Caprara. ARBITRI: Spinnicchia, Prati. NOTE – Spettatori: 1267, Durata set: 30′, 33′, 27′, 35′ ; Tot: 125′.

Informazioni sull'autore

Francesca Faralli

Francesca Faralli

Nata prematura sotto il segno dei gemelli, nel lontano 1986, mi appassiono ad ogni tipo di sport fin dalla tenera età: non importa se siano freccette, tiro con l’arco o il beerpong: dove c’è competizione, c’è passione.
Tennista di lunga data, nel tunnel del Fantacalcio da ormai 17 anni, tifosa blucerchiata e malata di calcio. Collaboro con CalcioNews24e SampNews24.

Commenta

Clicca qui per commentare