Paola Egonu porterà la bandiera olimpica alla cerimonia di apertura. La pallavolista azzurra è una degli atleti scelti per tenere il vessillo con i cinque cerchi oggi 23 luglio 2021. Paola Egonu, pallavolista e punta di diamante della Nazionale italiana femminile di volley a soli 22 anni ha già vinto uno scudetto, quattro volte la Coppa Italia, tre la Supercoppa Italiana, due la Champions League, un Mondiale per Club. Praticamente dal 2015 non smette di ricevere premi praticamente ogni anno come miglior realizzatrice dei tornei a cui partecipa.

Nata a Cittadella, in provincia da Padova, da genitori di nazionalità nigeriana, ricopre il ruolo di opposto nell’Imoco Volley, squadra di pallavolo del campionato di serie A1 di Conegliano.

“Mi sono emozionata appena il presidente Malagò me l’ha detto perché mi ritrovo a rappresentare gli atleti di tutto il mondo ed è una grossa responsabilità: sfilerò per ogni atleta di questo pianeta”.

Paola Egonu da bambina, voleva farsi suora come la zia. È stato un periodo breve, brevissimo, perché poi, fin da quando il papà l’ha spinta a fare il primo provino, la pallavolo è sempre stata al centro della sua vita. A 15 anni entra nel Club Italia e a 18 anni si trova a giocare per la nazionale Under 18, Under 19 e Under 20 contemporaneamente, un record. Poi l’esplosione definitiva. Oggi è una delle giocatrici più forti del mondo.

Quanto guadagna Paola Egonu

Secondo una stima della Gazzetta dello Sport dello scorso ottobre, la pallavolista guadagnerebbe 400 mila euro a stagione. Paola Egonu sarebbe dunque la più pagata tra le donne della serie A1. QuestNon sono infatti considerati i contratti con gli sponsor, i premi vinti e le eventuali medaglie che le Azzurre potrebbero portare a casa dopo le Olimpiadi di Tokyo