Appassionante davvero il Trofeo Opitergium, incontro di corsa su strada internazionale svoltosi a Oderzo (Treviso), che prende il nome dalla radice latina del nome. Cinque chilometri di saliscendi continui, con tratti acciottolati, un circuito nervoso che ha esaltato le under 20 azzurre, capaci di prendersi il primo posto dopo una gara che ha riservato sorprese.
Il tutto nel quadro di un meeting a più nazioni da Dottorato in Geografia: basti pensare che, oltre alle azzurre, erano in gara selezioni juniores di Repubblica Ceca, Francia, Gran Bretagna, Irlanda,  Armenia, Svezia, Romania, e altri sei paesi. Subito in testa l’inglese Jessica Mitchell: dietro, appaiate , seguono la francese Manon  Trapp e l’azzurra Nadia Battocletti (campionessa europea juniores di cross). All’ultimo giro una malaugurata distorsione alla caviglia costringe al ritiro Battocletti, ma dalle retrovie la trentina Angela Mattevi e la ligure Ludovica Cavalli iniziano una rimonta strepitosa. Thrilling all’ultimo giro, quando Mattevi supera l’esausta Trapp, dando l’impressione di ricucire il gap con la britannica. E per poco non succede il miracolo: il primo posto va alla Mitchell in 16’45” , che resiste al rush finale di Angela Mattevi, seconda in 16’47”. Grazie ai piazzamenti di Ludovica Cavalli, quarta in 17’18” e di Elisa Ducoli, quinta in 17’20” l’Italia  vince la classifica per nazioni davanti a Francia e Gran Bretagna.
Interessante anche il Trofeo Oderzo Città Archeologica, dove si impone la bielorussa Volha Mazuronak (campionessa europea di maratona in carica) in 16’08”  davanti alla siepista azzurra Isabel Mattuzzi (16’10”). Quinta la maratoneta Giovanna Epis  in 16’18”.
Ancora una volta un grande spettacolo di corsa su strada e pubblico, in una giornata dal clima quasi estivo.

Posted by European Road Race Under 20 "Trofeo Opitergium" on Wednesday, 1 May 2019

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!