La primavera è arrivata e per la maggior parte delle persone è una buona notizia. Stare all’aperto facendo il pieno di sole, con la luce che mano mano rende più lunghe le giornate, fa si che la stagione in cui siamo entrati, la primavera, sia un antidepressivo naturale. Ma a qualcuno porta anche stanchezza e inquietudine. Ma non preoccupatevi: si tratta solo di qualche giorno, il tempo necessario perché il nostro corpo e la nostra mente si abituino al cambio di stagione.
Secondo uno studio pubblicato nel 2011 su Progress in Neuro-Psychopharmacology and Biological Psychiatry, in molte persone la luce diurna prolungata migliora l’umore, il benessere e l’energia. La dopamina, neurotrasmettitore associato all’attenzione, alla motivazione, al piacere e all’umore buono, sembra aumentare con una maggiore esposizione alla luce solare.
Anche l’alimentazione ha un ruolo importante nella “gioia di primavera”: le fragole secondo alcuni studi sono utili nel migliorare l’umore, contro le rughe e la ritenzione idrica.
Grazie alla loro composizione per il 92% di acqua favoriscono l’idratazione. Attivano il metabolismo e contrastano l’invecchiamento. Sono state infatti inserite tra i cibi che aiutano a rimanere giovani nella classifica ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity) dell’Usda (il dipartimento dell’agricoltura statunitense). Durante la bella stagione, poi, si possono aprire le finestre e lasciare entrare il sole mentre si pulisce e riorganizza la casa. Un modo anche per rimanere in forma:uno studio condotto da ricercatori dell’Università dell’Indiana ha scoperto che i proprietari di case ordinate hanno maggiori probabilità di essere fisicamente in forma rispetto a coloro che vivono in ambienti disordinati.

La primavera porta però qualche disturbo

Un vero idillio se non fosse che con la primavera si presentano disturbi come stanchezza, spossatezza, allergie, asma e difficoltà digestive. L’organismo è ancora provato dagli sbalzi di temperatura e dal freddo sofferti in inverno. Se poi aggiungiamo le abbuffate delle feste e le varie medicine assunte per combattere raffreddore e influenza una cosa è certa: il nostro corpo, proprio come la natura in primavera, ha bisogno di rigenerarsi, disintossicandosi e depurarsi recuperando energia e salute. Durante il cambio di stagione è anche normale perdere più capelli del solito.
un altro male di stagione è il nervosismo. Durante il cambio di stagione infatti, è possibile notare un aumento di stress e tensioni. Un’altra conseguenza del nervosismo inoltre, è l’insonnia.ò

LA FRUTTA DI STAGIONE

La frutta e la verdura fresca di stagione, dalle fragole agli asparagi fino ai piselli, inizia a comparire sulle nostre tavole rendendole in qualche modo fresche e ‘detox’ rispetto al ‘comfort food’ invernale.

LE ALBICOCCHE. ottime da consumare fresche ma anche essiccate e sciroppate, sono frutti ricchi di vitamine e oligoelementi. L’albicocca ha un elevato contenuto di betacarotene, utile alla produzione di vitamina A, davvero preziosa per combattere i tipici mali di stagione: stanchezza spossatezza.
LE FRAGOLE: sono fonte di vitamina C e hanno effetti diuretici. Le fragole aiutano a combattere i disturbi primaverili in quanto disintossicanti e depurative. Da non sottovalutare l’effetto che hanno sull’umore grazie alla stimolazione della serotonina.
LE
CILIEGIE: le proprietà di questi deliziosi frutti sono davvero tante: aiutano chi soffre di ipertensione e chi ha problemi cardiaci, facilitano l’attività intestinale e la diuresi e pare siano persino antidolorifici. Grandi alleate della pelle, ne preservano la bellezza e stimolano l’abbronzatura. Perfette per ritrovare equilibrio ed energia per le loro proprietà disintossicanti.