Lo stadio di San Siro a Milano è pronto ad ospitare per la prima volta una partita di Serie A di calcio femminile. Milan-Juventus, le due squadre probabilmente più attrezzate per vincere lo scudetto, scenderanno in campo alle 20.45 (diretta su Sky Sport dalle 20.30i), uno spettacolo purtroppo a porte aperte solo per mille spettatori. In palio c’è il primo posto in classifica: chi vince supera in vetta il Sassuolo.
Il 24 marzo del 2019 40mila spettatori presero posto sui gradoni dell’Allianz Arena di Torino per Juventus-Fiorentina. In quell’occasione la Juventus vinse 1-0 grazie al gol del centrocampista danese Sofie Junge Pedersen. Fu un segnale forte. Purtroppo isolato. Fino alla decisione di vedere un’altra sfida al vertice in uno stadio importante quello del Franchi di Firenze dove alla prima giornata di questa stagione, con il campionato maschile fermo, la Fiorentina ha battuto l’Inter. Purtroppo a porte chiuse, che peccato.
All’estero, il record assoluto è stato registrato a Madrid, più precisamente al Wanda Metropolitano: il 17 marzo 2019, davanti a oltre 60mila spettatori spettatori, l’Atlético Madrid femminile – che di solito gioca nell’Estadio Cerro del Espino – perse 2 -0 contro il Barcellona.
Ma San Siro non è la prima volta che ospita una gara di calcio femminile. Il 24 settembre 1974 quando si disputò l’amichevole Italia-Scozia, sugli spalti quella volta c’era una folla immensa. Le ragazze vinsero 3-0, a premiarle arrivò Adriano Celentano.
La capitana era la combattiva Elena Schiavo – che nel 1969 era arrivata seconda ai campionati italia di atletica leggere nei 1500 metri. Con lei, – allenate da Amedeo Amedei, ex giocatore dell’Inter, nomi dimenticati di ragazze che hanno fatto la storia del calcio femminile italiano: Wilma Seghetti, Rosalia Mammino, Marisa Perin, Rosa Rocca, Assunta Gualdi, Maura Fabbri, Luciana Meles, Rosa Rocca, Torreggiani, Perin, Coda.

IN TV: Il match Milan-Juventus andrà in onda dalle 20.45 su Sky Sport Uno e Sky Sport Serie A e in streaming su NOW TV. Telecronaca di Gaia Brunelli e commento tecnico di Martina Angelini, a bordocampo Mario Giunta.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!