Vari

Rugby femminile / Italia-Giappone. La formazione e dove vedere la partita

Nazionale femminile rugby
Fonte: FIR

Tutto pronto all’Aquila per la gara di domani tra la Nazionale italiana femminile di rugby e il Giappone. Andrea Di Giandomenico, Responsabile Tecnico della Nazionale Italiana Femminile, ha ufficializzato la formazione giocherà allo Stadio Fattori a L’Aquila, primo Test Match autunnale dell’Italdonne.
“I Test Match autunnali hanno una grande importanza per la crescita del nostro movimento – spiega Andrea Di Giandomenico – Nella scorsa stagione abbiamo mostrato segnali di crescita che vogliamo confermare nei prossimi mesi. Il Giappone è una squadra solida: due anni fa al Mondiale siamo riusciti a vincere una partita che si è sbloccata dopo tanti minuti di equilibrio. Dal canto nostro abbiamo un gruppo unito formato da giocatrici esperte e nuovi innesti. Saremo come sempre concentrati sulla nostra prestazione sperando di centrare un risultato positivo” .
Primo cap da capitano per Ilaria Arrighetti mentre Sarasso indosserà la maglia numero 15 con Magatti-Stefan sulle ali e la coppia di centri formata da Sillari e Rigoni. In mediana come apertura farà il suo esordio con la maglia dell’Italdonne Laura Paganini che sarà coadiuvata dalla veterana Sara Barattin che toccherà quota 90 caps.
Numero 8 Elisa Giordano con capitan Arrighetti e Giada Franco a completare il reparto di terze linee. In seconda linea la coppia formata da Duca e Ruzza, mentre in prima linea scenderanno in campo dal primo minuto Gai, Cammarano e Turani.
La sfida sarà trasmessa in diretta su Rai Sport a partire dalla 14.20.

 

Questa la formazione che scenderà in campo:
15 Camilla SARASSO (CUS Torino, 4 caps)
14 Maria MAGATTI (CUS Milano, 28 caps)
13 Michela SILLARI (Valsugana R. Padova, 51 caps)
12 Beatrice RIGONI (Valsugana R. Padova, 37 caps)
11 Sofia STEFAN (Valsugana R. Padova, 50 caps)
10 Laura PAGANINI (CUS Milano, esordiente)
9 Sara BARATTIN (Arredissima Villorba Rugby, 89 caps)
8 Elisa GIORDANO (Valsugana R. Padova, 37 caps)
7 Giada FRANCO (Harlequins Ladies, Inghilterra, 11 caps)
6 Ilaria ARRIGHETTI (Rennes, Francia, 42 caps) – capitano
5 Giordana DUCA (Valsugana R. Padova, 12 caps)
4 Valentina RUZZA (Stade Francais, Francia, 29 caps)
3 Lucia GAI (Valsugana R. Padova, 64 caps)
2 Lucia CAMMARANO (Rugby Belveneroverdi, 21 caps)
1 Silvia TURANI (HBS Colorno, 10 caps)
A disposizione
16 Giulia CERATO (Valsugana R. Padova, esordiente)
17 Michela MERLO (Rugby Mantova, 4 caps)
18 Sara TOUNESI (HBS Colorno, 10 caps)
19 Valeria FEDRIGHI (Stade Toulousain, Francia, 16 caps)
20 Isabella LOCATELLI (Rugby Monza 1949, 21 caps)
21 Francesca SGORBINI (HBS Colorno, 1 cap)
22 Micol CAVINA (Arredissima Villorba Rugby, 3 caps)
23 Beatrice CAPOMAGGI (Unione Rugby Capitolina, esordiente)

Informazioni sull'autore

Matteo Angeli

Matteo Angeli

Direttore responsabile

Il fatto di aver avuto un papà bravo giornalista ha indubbiamente segnato la mia vita. Ma di sicuro lui non ha influito minimamente quel giorno che, appena diciottennne, rimasi folgorato da un tremendo fatto di cronaca. Chiesi ad un cronista di portami con se e fu in quel momento, mentre osservavo la scena, che sentii nascere qualcosa dentro: da grande anch'io avrei fatto il giornalista. Neppure il tempo di pensare che mi trovai in prova a Radio Babboleo, l'emittente più importante della mia terra, la Liguria. Quindi l'assunzione, poi le prime esperienze in tv, sui giornali locali, fino ad approdare al "mitico" Corriere Mercantile. Cronaca nera, politica, spettacoli e poi sport, tanto sport. Poi tante altre esperienze, di ogni tipo, in ogni campo. Oggi dopo quasi trent'anni il giornalismo è cambiato, e non poco. Io, a parte qualche ruga e qualche capello bianco, sono invece rimasto lo stesso. Pronto all'ennesima sfida.

Commenta

Clicca qui per commentare