Vari

Rugby / Sei Nazioni: la formazione dell’Italdonne contro la Francia

Fonte:FIR

Sei Nazioni femminile di rugby. Andrea Di Giandomenico al termine dell’allenamento ha annunciato la formazione che domenica affronterà a Padova la Francia nel turno conclusivo del 2019 Women’s Six Nations.
L’Italdonne scenderà in campo allo Stadio del Plebiscito alle ore 14.30. Sofia Stefan, tre quarti ala dell’Italia e del Valsugana Rugby Padova aprirà la fila delle Azzurre, celebrando così la 50esima presenza con la Nazionale Femminile. Azzurra n. 150 aveva esordito nel 2011 a Nizza proprio contro la Francia.
Nel XV titolare un cambio rispetto al match contro l’Inghilterra. L’Italia ritrova con la maglia n.10 Veronica Madia che prende il posto di Beatrice Rigoni in campo fin dal primo minuto con la maglia n.12.
Nella mattinata circa trecento atlete delle categorie U14, U16 e U18 provenienti dal Veneto, dal Friuli-Venezia-Giulia, dal Lazio, dalla Toscana e dall’Emilia Romagna. “Sarà una giornata all’insegna del movimento femminile – spiega MariaCristina Tonna, coordinatrice FIR dell’attività femminile – oltre alle delegazioni regionali che sfilerano in campo, avremo le bambine del minirugby impegnate attivamente sul terreno di gioco  con una dimostrazione nell’intervallo tra primo e secondo tempo.
E’ tanta l’attesa per questo evento, le aspettative sull’affluenza di pubblico sono maggiori rispetto agli scorsi anni, le prevendite vendute sono incrementatei e l’interesse è vivo e palpabile, segno della crescita del movimento”.
Eurosport Player trasmetterà in diretta le immagini della partita con il commento di Raimondi-Munari-Gardina, in differita alle ore 23.00 su Eurosport 2.

CLICCA QUI PER L’INTERVISTA AD ANDREA DI GIANDOMENICO

ITALIA FEMMINILE

15. Manuela FURLAN (Iniziative Villorba Rugby, 72 caps) – CAPITANO
14. Aura MUZZO (Iniziative Villorba Rugby, 11 caps)
13. Michela SILLARI (Rugby Colorno, 50 caps)
12. Beatrice RIGONI (Valsugana R. Padova, 36 caps)
11. Sofia STEFAN (Valsugana Rugby Padova, 49 caps)
10. Veronica MADIA (Rugby Colorno, 16 caps)
9. Sara BARATTIN (Iniziative Villorba Rugby, 88 caps)
8. Elisa GIORDANO (Valsugana Rugby Padova, 36 caps)
7. Giada FRANCO (Rugby Colorno, 10 caps)
6. Ilaria ARRIGHETTI (Stade Rennais, Francia, 41 caps)
5. Giordana DUCA (UR Capitolina, 11 caps)
4. Valentina RUZZA (Valsugana R. Padova, 28 caps)
3. Lucia GAI (Valsugana Rugby Padova, 61 caps)
2. Melissa BETTONI (Stade Rennais, Francia, 52 caps)
1. Gaia GIACOMOLI (Rugby Colorno, 17 caps)

A disposizione

16. Lucia CAMMARANO (Belve Rugby Nero Verdi, 20 caps)
17. Silvia TURANI (Rugby Colorno, 9 caps)
18. Sara TOUNESI (Rugby Colorno, 9 caps)
19. Valeria FEDRIGHI (Stade Toulousain, Francia, 14 caps)
20. Francesca SBERNA (Kawasaki Robot Calvisano, 3 caps)
21. Jessica BUSATO (Iniziative Villorba Rugby, 8 caps)
22. Maria MAGATTI (CUS Milano, 27 caps)
23. Camilla SARASSO (Biella Rugby Club, 3 caps)

Informazioni sull'autore

Matteo Angeli

Matteo Angeli

Direttore responsabile

Il fatto di aver avuto un papà bravo giornalista ha indubbiamente segnato la mia vita. Ma di sicuro lui non ha influito minimamente quel giorno che, appena diciottennne, rimasi folgorato da un tremendo fatto di cronaca. Chiesi ad un cronista di portami con se e fu in quel momento, mentre osservavo la scena, che sentii nascere qualcosa dentro: da grande anch'io avrei fatto il giornalista. Neppure il tempo di pensare che mi trovai in prova a Radio Babboleo, l'emittente più importante della mia terra, la Liguria. Quindi l'assunzione, poi le prime esperienze in tv, sui giornali locali, fino ad approdare al "mitico" Corriere Mercantile. Cronaca nera, politica, spettacoli e poi sport, tanto sport. Poi tante altre esperienze, di ogni tipo, in ogni campo. Oggi dopo quasi trent'anni il giornalismo è cambiato, e non poco. Io, a parte qualche ruga e qualche capello bianco, sono invece rimasto lo stesso. Pronto all'ennesima sfida.

Commenta

Clicca qui per commentare