Incredibile Chicherova: a 36 anni e dopo la squalifica vola a 2.01. Cade una stella. Come in una partita a scacchi lunghissima, regina mangia regina. Inutile dire che la stagione al coperto mondiale è partita alla grande, con la clamorosa sconfitta nel salto in alto della mitica russa Mariya Lasitskene, la “ragazza venuta dal freddo”, tanto glaciale appare nella facies e nella calma prima dei salti.
Nel palazzetto dello sport di Chelyabinsk si è materializzata all’improvviso una libellula  del Gotha mondiale come Anna Chicherova, 36 anni, al rientro agonistico dopo una squalifica di due anni per doping. E’ chiaro che non si è trattata, fin dai primi passi in pedana, di una gara normale….Gli occhi azzurri della Chicherova hanno guidato il corpo flessuoso verso una serie incredibile di salti: 1.84, 1.88, 1.91, 1.94, 1.99, 2.01 tutte quote  valicate al primo tentativo! La campionessa mondiale 2011 e olimpica 2012 ha subito messo in pressione l’eterna rivale. Lo si è capito dal primo salto di Mariya: 1.97 fallito alla prima. Tutti gli spettatori mai si sarebbero aspettati in confronto del genere.
Lasitskene ha superato 1.97 al secondo tentativo, ma si è fermata a 2.01. Chicherova ha interrotto una serie consecutiva  incredibile: gli statistici contano 55 vittorie di Mariya Lasitskene. Ma si sa, i primati, le serie consecutive, i record sono destinati a cadere o a venire superati. Qualcosa, psicologicamente, si è incrinato nell”algoritmo” vincente della Lasitskene. Qualcosa che significa un pizzico di sudditanza psicologica nei confronti dell’altra matura saltatrice russa. Sicuramente ci sarà la rivincita fra le grandi libellule, fra qualche mese, agli Euroindoor di Glasgow. Si è partiti già alla grande nella stagione indoor continentale. E’ il caso di dire che la concorrenza alza l’asticella sempre più in alto.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!