Sconfitto contro il Brescia nel recupero, il San Zaccaria è rimasto fermo a quota 0 punti in classifica ma prova a vedere i lati positivi della gara di domenica. “Di buono – ha spiegato il tecnico Gianluca Nardozza c’è soprattutto l’atteggiamento e la reazione che abbiamo messo in campo una volta andati subito sotto. Arrivavamo da una sconfitta nella prima partita di campionato che quasi non ci ricordiamo più per la lunga pausa forzata a cui siamo stati costretti, ma sotto un certo aspetto c’era il rischio di mollare e di capitolare fin da subito”.

Promossa la reazione: “Pensavamo di poter rientrare negli spogliatoi in parità, in modo da poter sistemare un po’ tutte quelle piccole cose che si sistemano tra un tempo e l’altro, ma siamo andati sotto un’altra volta su un nostro errore in disimpegno. La reazione del secondo tempo è stata bella, anche se abbiamo poi subito di nuovo gol e siamo andati sull’1-3, ma al di là di questo siamo rimasti in partita fino alla fine segnando il 3-2. Peccato aver subito il quarto gol, perché credo ci fosse il tempo per provare a raggiungere il Brescia, ma abbiamo commesso un altro errore in disimpegno che ci è costato caro”.
E ancora: “Siamo soddisfatti per quello che abbiamo fatto, anche perché siamo riusciti a farlo nelle condizioni psicologiche peggiori. La partita l’avevamo preparata proprio così. Sicuramente – prosegue Nardozza – dobbiamo migliorare specialmente nei disimpegni difensivi e serve maggior sicurezza e tranquillità per evitare di mettersi nelle condizioni di pericolo da sole, ma lasciando questo compito ai nostri avversari. Credo che questa situazione sia frutto del fatto che stiamo giocando poco: avremo bisogno di giocare partite vere per poter prendere il ritmo da un punto di vista fisico, ma anche i tempi di gioco per migliorare, tutte cose che in allenamento ovviamente non si riescono a fare al meglio”.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!