Sci / Snowboard

Sci / Le azzurre scrivono la storia. Curtoni, Bassino e Brignone sul podio! Che spettacolo

Fonte:FISI

Tre ragazze sul podio. Tre italiane più brave di tutte. Elena Curtoni, Marta Bassino e Federica Brignone hanno scritto una pagina indelebile della storia dello sci alpino italiano. Le tre azzure infatti, hanno siglato una straordinaria tripletta, la quarta di sempre, nella discesa di Bansko in Cdm.
Elena Curtoni è salita per la prima volta in carriera sul gradino più alto del podio. La 28enne di Cosio Valtellino, approfittando anche di una visibilità nettamente migliorata, è riuscita ad essere velocissima, così come Federica Brignone, terza e al podio numero 35 della carriera. La valdostana, al traguardo con un ritardo di soli 14 centesimi, è stata molto aggressiva, rischiando due volte di sdraiarsi in pista, riuscendo comunque a reagire. Mikaela Shiffrin, quarta in classifica a poco più di tre decimi, si deve solo inchinare al pari di Petra Vlhova, 11esima e staccata di 1″25.
Sapevo di avere nelle gamebe un risultato importante, mi sento in forma e sto bene sugli sci, l’ho dimostrato in pista, si trattava solo di liberare la testa e scaricare i cavalli per spingere in tutte le curve – sono le prime parole di Elena Curtoni – Anche se devo dire la verità, mi sentivo lunghissima in tutte le parti e credevo di perdere tanta velocità, così ho cercato di strngere il più possibile e attaccare. La giornata di oggi rappresenta la svolta della mia carriera: nel 2017 arrivai quarta nella classifica finale di supergigante, poi sono arrivati due infortuni importanti che mi hanno bloccato. Prima mi sono rotta l’astragalo e il malleolo della gamba sinistra in primavera, poi in autunno il legamento crociato e il menisco del ginocchio destro. E’ stata dura riprendermi ma ce l’ho fatta. Dedico questa storica vittoria a tutti coloro che mi sono stati vicini, ma non ho mai perduto il sorriso, anche nei momenti di maggiore sconforto“.
Bene anche Laura Pirovano e Francesca Marsaglia, entrambe a punti e tra le migliori venti: la prima è 14esima, la seconda ha centrato una buona 18esima posizione. Nulla da fare invece per Nicol Delago, in grande difficoltà negli ostici curvoni, e la sorella Nadia, terminata fuori pista . Verena Gasslitter è invece 42esima.

In classifica generale Mikaela Shiffrin è in vetta a quota 1125, davanti a Federica Brignone, seconda e staccata di 270 punti. Nella graduatoria di specialità comanda la svizzera Corinne Suter con 272 punti inseguita dalla Shiffrin distante solo 16 lunghezze. Quarta Elena Curtoni.

Ordine d’arrivo DH femminile Cdm Bansko (Bul):
1. CURTONI Elena ITA 1:29.31
2. BASSINO Marta ITA +0.10
3. BRIGNONE Federica ITA +0.14
4. SHIFFRIN Mikaela USA +0.35
5. JOHNSON Breezy USA +0.47
6. WEIDLE Kira GER +0.62
7. REISINGER Elisabeth AUT +0.65
8. ORTLIEB Nina AUT +0.82
9. SUTER Corinne SUI +1.02
10. GUT-BEHRAMI Lara SUI +1.21

14. PIROVANO Laura ITA +1.92
18. MARSAGLIA Francesca ITA +2.08

40. DELAGO Nicol ITA +4.22
42. GASSLITTER Verena ITA +4.87

DELAGO Nadia ITA non ha terminato la manche

Informazioni sull'autore

Matteo Angeli

Matteo Angeli

Direttore responsabile

Il fatto di aver avuto un papà bravo giornalista ha indubbiamente segnato la mia vita. Ma di sicuro lui non ha influito minimamente quel giorno che, appena diciottennne, rimasi folgorato da un tremendo fatto di cronaca. Chiesi ad un cronista di portami con se e fu in quel momento, mentre osservavo la scena, che sentii nascere qualcosa dentro: da grande anch'io avrei fatto il giornalista. Neppure il tempo di pensare che mi trovai in prova a Radio Babboleo, l'emittente più importante della mia terra, la Liguria. Quindi l'assunzione, poi le prime esperienze in tv, sui giornali locali, fino ad approdare al "mitico" Corriere Mercantile. Cronaca nera, politica, spettacoli e poi sport, tanto sport. Poi tante altre esperienze, di ogni tipo, in ogni campo. Oggi dopo quasi trent'anni il giornalismo è cambiato, e non poco. Io, a parte qualche ruga e qualche capello bianco, sono invece rimasto lo stesso. Pronto all'ennesima sfida.

Commenta

Clicca qui per commentare