Sci / Snowboard

Sci/ Super G: Mikaela Shiffrin sul tetto del mondo. Brignone terza

Mikaela Shiffrin si va a prendere la coppa di specialità in SuperG, prima atleta a mettere assieme in una stessa stagione avendo già vinto quella di slalom. La vittoria della gara finale è della tedesca  Viktoria Rebensburg davanti all’austriaca Tamara Tippler in 1.24.06. Quarta in 1.24.35 l’americana Mikaela Shiffrin che ha vinto cosi’ comunque anche la coppa di superG oltre a quella di slalom speciale, un abbinamento eccezionale, e quella generale.
L’azzurra Federica Brignone in 1.24.25 – quarto podio stagionale e 28/o in carriera – e’ arrivata terza a Soldeu nel sesto ed ultimo superG della stagione. Sul podio del superG non ci era mai salita in questa stagione. A Soldeu, però, aveva addirittura vinto tre anni fa, e anche stavolta ha dimostrato di trovarsi a suo agio su questa pista, adatta alle atlete più tecniche e meno alle velociste,
Per l’Italia ci sono poi Sofia Goggia 7/a in 1.24.47, Nadia Fanchini 9/a in 1.24.73, Irene Curtoni 14/a in 1.25.59 e Francesca Marsaglia 16/a in 1.26.35.
Per loro la stagione si chiude qui, mentre Federica Brignone tornerà in pista domenica per il gigante femminile.

Informazioni sull'autore

Matteo Angeli

Matteo Angeli

Direttore responsabile

Il fatto di aver avuto un papà bravo giornalista ha indubbiamente segnato la mia vita. Ma di sicuro lui non ha influito minimamente quel giorno che, appena diciottennne, rimasi folgorato da un tremendo fatto di cronaca. Chiesi ad un cronista di portami con se e fu in quel momento, mentre osservavo la scena, che sentii nascere qualcosa dentro: da grande anch'io avrei fatto il giornalista. Neppure il tempo di pensare che mi trovai in prova a Radio Babboleo, l'emittente più importante della mia terra, la Liguria. Quindi l'assunzione, poi le prime esperienze in tv, sui giornali locali, fino ad approdare al "mitico" Corriere Mercantile. Cronaca nera, politica, spettacoli e poi sport, tanto sport. Poi tante altre esperienze, di ogni tipo, in ogni campo. Oggi dopo quasi trent'anni il giornalismo è cambiato, e non poco. Io, a parte qualche ruga e qualche capello bianco, sono invece rimasto lo stesso. Pronto all'ennesima sfida.

Commenta

Clicca qui per commentare