Incredibile colpo di scena al Roland-Garros di Parigi. La tennista russa Yana Sizikova è stata arrestata dopo la fine di un match in doppio con la partner Ekaterina Alexandrova, appena perso contro la coppia Ajla Tomljanovic-Storm Sanders (6/1, 6/1). 
Il fermo della Sizikova, 26 anni, secondo un’esclusiva di Le Parisien, è stato piuttosto movimentato, con il servizio di sicurezza del torneo che cercava di ostacolare i poliziotti. La tennista, 101/a mondiale in doppio, è al centro di un’inchiesta aperta lo scorso ottobre dalla procura di Parigi per truffa e corruzione sportiva in una vicenda di scommesse truccate.

L’accusa è quella di aver alterato un incontro di doppio valido per il Roland Garros 2020, giocato il 30 Settembre dello scorso anno. In attesa del lavoro degli inquirenti, la classe 1994 moscovita è stata rilasciata, ma tuttavia su di lei pendono accuse pesantissime. 

I sospetti

I sospetti degli inquirenti sono sorti durante la precedente edizione degli Open di Francia, giocata eccezionalmente in autunno. Le indagini avrebbero riguardato la partita di primo turno del 2020, quando insieme all’americana Brengle (non coinvolta) perse 7-6 6-4 contro le romene Mitu-Tig: attorno al match si registrò un insolito movimento di scommesse per molte decine di migliaia di euro. Ad un certo punto Sizikova commise, tra altri episodi dubbi, due doppi falli e sbagliato un punto facile.