Venti punti e un terzo posto in classifica, ad un passo dalla zona Women’s Champions League. La Res Roma ha licenza di sognare per il presente e soprattutto per il futuro viste le tante giovani in rampa di lancio. Abbiamo chiesto al tecnico Fabio Melillo di fare un primo bilancio di questa prima parte di stagione.

Mister, terzo posto in classifica a meno -1 dal Brescia: se lo aspettava?
“Siamo partiti fiduciosi perché le ragazze, da subito, hanno lavorato per bene e con la giusta voglia ed attenzione. Abbiamo del talento in squadra ma capacità tecniche, atletiche e tattiche vanno a allenate con intensità e determinazione. Mi sarei accontentato  anche di meno, ma devo dire che abbiamo meritato sul campo con prestazioni sempre all’altezza”.

Qual è stata a suo parere la miglior partita giocata dalle sue ragazze?
“Abbiamo fatto tutte buone partite, per occasioni create e qualità forse proprio una non vinta, quella con il Tavagnacco, creare tanto contro una grande squadra è un segnale importante. Meritavamo i tre punti e poi vedere tante nostre prerogative di squadra messe in pratica è motivo di grande soddisfazione. E’ stata comunque una grande partita,rovinata purtroppo in parte da una persona inqualificabile ma ciò che più pesa è l’iniquità dei provvedimenti assunti. A mio parere tanta ingiustizia e uomini senza onore, hanno creato una delusione che farò fatica a far passare”.

Sul mercato ci saranno interventi?
“In linea di massima no, è giusto che le ragazze difendano sul campo ciò che finora sono riuscite a conquistare, certo se capita un’occasione importante siamo pronti”.

Qual è la speranza legata alla sua squadra per il 2017?
“Noi dobbiamo raggiungere la quota salvezza, le ragazze sanno che il campionato è difficile e che dobbiamo fare ancora molto. Veniamo da campionati massacranti per formule di retrocessione inadeguate ad un campionato di A. Abbiamo fatto tre salvezze, sudate, arrivando settimi mentre nel maschile significa Europa League, noi abbiamo fatto tre anni di gare che tolgono anni di vita. Quindi mi aspetto di ripetere quanto fatto in questo scorcio di stagione e magari vincere il terzo scudetto con la Primavera, cosa mai riuscita a nessuna società femminile”.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!