Si è trasferito a Seattle nel 2003 per motivi di lavoro, lì oggi è proprietario e general manager dell’OSA FC. Lui è Giuseppe Pezzano e l’abbiamo intervistato per conoscere meglio una realtà che cerca nel nostro calcio talenti da portare alla scoperta dell’America.

Dottor Pezzano, perché avete deciso di creare questo punto di incontro tra calcio americano e italiano?
“Già 10 anni fa avevo intravisto un grande potenziale e nel 2008 ho fondato la OSA Soccer group che è diventata un punto di riferimento e di ponte tra italia e North America per molti clubs, compagnie nel calcio, DS, Agenti e calciatori nel maschile prima ed a seguire nel femminile con la creazione del progetto Ac Seattle dove hanno allenato allenatori come Cincotta e Fattori”.

giuseppe-pezzanoPerché una ragazza italiana dovrebbe scegliere di fare un’esperienza all’OSA?
“Perché da 5 anni offriamo un esperienza di crescita sia calcistica che personale dove approfondire anche l’inglese in una delle città più belle e sicure degli USA e da dove possono nascere anche tante opportunità per il futuro come le scholarship nei college per giocare a calcio o anche relazioni e rapporti di scambio vivendo le giocatrici per 3 mesi insieme alla comunità locale. Basta pensare a grandi giocatrici italiane come Alia Guagni che ha giocato con noi 3 anni di seguito. Nella lista anche Giacinti, Rinaldi, Durante e tante altre. Non dimentichiamoci poi che parliamo di un calcio che è più volte campione del mondo! Seattle è poi considerata anche per il maschile (abbiamo anche una squadra maschile che gioca a livello nazionale) la città del calcio in America con la presenza dei Reign che quest’anno avranno anche una squadra nel nostro campionato che va ad aggiungersi all’altra nostra rivale, il Seattle Sounders. Sicuramente c’è’ tanto ancora da imparare dall’Organizzazione dei clubs come avviene in Italia. Ma il calcio qui è da poco esploso ed i margini di crescita sono immensi per come viene concepita ogni cosa dove si vuole crescere in America”.

Che tipo di giocatrici italiane state cercando?
“Stiamo cercando giocatrici per tutti i ruoli. Devono essere funzionali al progetto per caratteristiche fisiche, visto che il nostro campionato è molto fisico e atletico. Caratterialmente invece devono essere pronte per questa esperienza con capacità di adattamento immediato”.

Quali sono le differenze principali tra il calcio femminile italiano, e quindi le calciatrici italiane, e quello americano?
“Sicuramente il campionato americano è più fisico e atletico mentre quello italiano è maggiormente tattico”.

Qual è l’obiettivo a lungo termine che si pone la sua società per continuare a crescere in questo ambito?
“Vogliamo continuare ad incrementare questo progetto di calcio e cultural exchange”.

Come viene visto il calcio femminile in America?
“Allo stesso livello maschile. Tutte le ragazzine hanno iniziato da piccole a fare calcio al pari degli uomini”.

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!