“Sei da sola contro tutte. E se le tue compagne segnano, esultano tutte insieme tu invece devi farlo per conto tuo. Ti esalti da sola per una vittoria e sei da sola anche quando subisci gol”. Lo descrive con questa immagine suggestiva il ruolo di portiere Alessia Gritti, estremo difensore del Mozzanica e fresca di convocazione nella Nazionale di mister Cabrini.

Che cosa significa per te la convocazione per il torneo in Brasile con la Nazionale di Cabrini?
“Sono felicissima per questa convocazione, è stata inaspettata e forse anche per questo ancora più bella. Vorrei fosse solo l’inizio di un percorso con la maglia Azzurra, il sogno è quello di essere convocata per gli Europei in Olanda”.

Per quanto riguarda invece il Mozzanica. Quanto è stata importante la vittoria contro il Como?
“Il nostro gioco si era intravisto già contro la Fiorentina Womens’s, nonostante la sconfitta. Sabato sono arrivati i tre punti che sono frutto di un gruppo giovane e nuovo che si sta amalgamando e sta seguendo le indicazione del nuovo tecnico. Finalmente ora si vede il nostro lavoro”.

Nelle prossime due gare prima della Nazionale avrete Luserna e AGSM Verona. La seconda sarà già una partita importante per poter arrivare nelle prime posizioni
“E’ meglio pensare partita dopo partita perché contro tutte le squadre ci sono in palio tre punti. Ora testa al Luserna poi ci sarà la gara col Verona”.

Qual è stata secondo te la tua più bella parata di questa stagione?
“Ad oggi quella che ricordo come maggiormente importante è stata quella contro la Fiorentina su una conclusione di Patrizia Caccamo nel primo tempo. Eravamo sotto di 1 a 0 ma quella parata ci ha permesso di restare comunque in partita fino alla fine”.

Chi ti supporta nella tua carriera calcistica?
“Senza dubbio il maggior supporto arriva dalla mia famiglia, da chi mi ha sempre sostenuto e dallo staff dello studio DCF Sport Legal”.

 

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!