Luglio è il mese delle iscrizioni ai campionati, ma nel mondo del calcio femminile spesso questo periodo fa rima con tante rinunce per via dei costi eccessivi tra iscrizioni e mantenimento della squadra. Alla stagione 2016-17 hanno già rinunciato Villacidro, Catania e Bocconi Milano, sempre in serie B, resta in dubbio invece il futuro del Graphistudio Pordenone. 

Il presidente Antonello Colle ci ha spiegato: “In questi giorni stiamo valutando se iscriverci al campionato di serie B oppure ripartire dal campionato regionale con meno costi e un progetto per tornare al top. Purtroppo in questi anni è diventato tutto ancora più difficile, oltre alla poca visibilità del femminile ci si è messa anche la crisi che blocca gli sponsor”.

“Piangerebbe il cuore nel fare una scelta del genere – ci ha spiegato – soprattutto per le ragazze. Il problema non sta tanto nel costo d’iscrizione quanto invece nell’incognita trasferte. Se si capita nel girone con le tre squadre sarde il peso economico diventa decisamente importante”.

“Alle donne che giocano a calcio spesso si dice che sono “belle e brave” poi però nessuno ci aiuta. In questi anni abbiamo avuto anche dei problemi nel trovare il campo dove giocare, in Provincia ne abbiamo girati tanti. E alle aziende che ci sponsorizzano cosa possiamo promettere? Onestamente la visibilità del calcio femminile non è alta. Dovrebbe essere la Federazione a lavorare per sviluppare l’immagine e la visibilità di tutto il movimento ci spiega amareggiato.

Per quanto riguarda invece la scorsa stagione: “Siamo soddisfatti, abbiamo ricostruito il gruppo e abbiamo fatto un buon campionato dove a volte è mancata la fortuna. Avremmo potuto essere nei primi tre posti ma siamo felici di quanto fatto”.

Intanto il Graphistudio Pordenone prova a farcela con le proprie forze. Nei prossimi giorni sapremo quale sarà la decisione: B o campionato regionale?

 

Pin It on Pinterest

Condividi

Condividi questo articolo dove vuoi!