Calcio

Stephanie Frappart, prima donna arbitro per l’Italia Under 21

Non era mai successo che un arbitro donna dirigesse una gara dell’Under 21 di calcio azzurra. Ad arbitrare Italia-Armenia in programma oggi a Catania alle 18.30, è stata infatti designata la francese Stephanie Frappart, che la scorsa estate diresse la Supercoppa Europea fra Liverpool e Chelsea.
Dirigerà una donna? Vuol dire che è brava. Per me è un arbitro, che sia donna o uomo non cambia, sono in campo per far rispettare le regole. Le donne sanno fare molto bene il loro lavoro”  le parole del ct azzurro Paolo Nicolato.
Francese, 35 anni, Frappart lo scorso 14 agosto ha diretto la Supercoppa europea tra Liverpool e Chelsea. A luglio aveva arbitrato la finale del mondiale femminile, nella quale gli Stati Uniti si erano confermati battendo 2-0 l’Olanda.
L’arbitro francese, già lo scorso aprile, aveva diretto inoltre il match di di Ligue 1 tra Amiens e Strasburgo ed è adesso in pianta stabile nell’organico degli arbitri del massimo campionato francese.

Informazioni sull'autore

Matteo Angeli

Matteo Angeli

Direttore responsabile

Il fatto di aver avuto un papà bravo giornalista ha indubbiamente segnato la mia vita. Ma di sicuro lui non ha influito minimamente quel giorno che, appena diciottennne, rimasi folgorato da un tremendo fatto di cronaca. Chiesi ad un cronista di portami con se e fu in quel momento, mentre osservavo la scena, che sentii nascere qualcosa dentro: da grande anch'io avrei fatto il giornalista. Neppure il tempo di pensare che mi trovai in prova a Radio Babboleo, l'emittente più importante della mia terra, la Liguria. Quindi l'assunzione, poi le prime esperienze in tv, sui giornali locali, fino ad approdare al "mitico" Corriere Mercantile. Cronaca nera, politica, spettacoli e poi sport, tanto sport. Poi tante altre esperienze, di ogni tipo, in ogni campo. Oggi dopo quasi trent'anni il giornalismo è cambiato, e non poco. Io, a parte qualche ruga e qualche capello bianco, sono invece rimasto lo stesso. Pronto all'ennesima sfida.

Commenta

Clicca qui per commentare